Le avventure della grammatica/2

Capitolo 2: Il generatore di punti.

“E nel lupo riconobbe nei suoi occhi suo figlio. Punto.”

Oh, finalmente abbiamo concluso questa terribile frase. È stata una bella storia, piena di lupi e tempeste.

///

Come sono bello stamattina. Unico, tondo e piccolino, in modo che non do fastidio alla lettura. Io, il Punto, il terrore delle frasi, che muoiono appena mi vedono.

“ODDIO UN PUNTO!” esclamano, e si fermano inermi.

“Sì, Punto, non fare il fesso e ascoltaci per una volta!”

La maiuscola della frase successiva non mi sopporta. Questa rivalità trae le sue radici nei tempi immemori di quando ero solo una virgola.

Il fatto è che le maiuscole non sono maiuscole. Sono lettere troppo cresciute, che ingrassano a forza di guardarmi e invidiare il mio successo, ed ecco perché sono così grosse.

Uhuhuhu. Sono un supereroe, ho poteri speciali che condizionano l’intero testo.

“Ehilà!”

Oh, compare un altro punto. No, non era previsto.

“Che ci fai qui, stupido clone?” chiedo altero.

“Non sono uno stupido clone, sono un secondo punto” risponde. In effetti è vero, siamo identici. Ma non è finita.

Ecco che compare un terzo punto. “Nonsalve a tutti, oggi sono contrariato.”

“Ci sono un po’ troppi punti qui…” constato. Io che mi credevo unico nel mio genere e sterminatore di frasi, ecco due imitatori patetici che non concludono niente.

“Facciamo un ponte! Vi va?” esclama un punto, e l’altro comincia a balzare, e anche l’altro lo imita, come se fossero ragazzette in preda agli ormoni.

“No, ragazzi, anche il ponte no! dove andrebbe a finire la mia vena terrificante, poi?” dico.

“E non fare sempre lo scorbutico! Che poi la gente ci crede davvero e racconta storie su di te la notte!”

In effetti, la virgola quando mette a nanna le parentesi racconta del Punto neo che spunta sulla faccia alla fine della frase uccidendola. La Parentesi, inutile dirlo, ha poi gli incubi.

In ogni caso il Ponte è stato fatto.

“Eccoci allora! Sospesi su un fiume che scorre impetuoso, tutti assieme rivolti verso la frase nuova! Yeee!”

E cominciano a cantare una canzone stonata. Si chiama proprio così, “canzone stonata”, e si canta da stonati. Se si canta intonati non si rende omaggio alla canzone.

Comunque, questa è la misera vita di un punto. Da massacratore di frasi, a un ponte di collegamento, neanche levatoio, ma sempre dritto.

Annunci

3 pensieri su “Le avventure della grammatica/2

  1. Buondì!
    Ed ecco la tua seconda recensione premio. Meglio tardi che mai, dicono XD
    Questa volta, giustamente, ci racconti la vita di un punto (dopo aver cominciato con una virgola). O meglio di tutte le varie identità del punto!
    Perché esistono anche i puntuni di sospensione, che molti scrittori non sanno usare degnamente. O ne mettono troppi, o ne mettono cinque o sei, quando il massimo (si sa) è tre!
    Hai fatto bene a scrivere anche questo piccolo non-sense sul punto (che poi, tanto non sense non è, dato che con l’umorismo porta a riflettere su tristi verità).
    Il povero punto, da essere terrificante che mette fine alle frasi, viene declassato a misero puntino.
    Povero!
    Però, di fatto, è vero che molti non sanno usare il punto fermo, spesso mettendo le lettere minuscole dopo il punto, oppure nel bel mezzo del discorso diretto.
    Trovo che questa tua raccolta dovrebbe essere allegata alle postille di un libro di grammatica vero e proprio.
    Dicono che sbagliando si impara, ma anche ridendo si impara e, magari, molti bambini, leggendo queste strambe avventure, potrebbero imparare meglio la grammatica e diventare scrittori (anche amatoriali) migliori un domani!
    Complimenti e alla prossima!
    Halley

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...