Tutorial: come temperare una matita

Prendete ad esempio un articolo.

No, non sto parlando di “Il, lo, La, I, Gli, le” (che bravo, me li ricordo ancora!); ma di questo articolo qua.

Poi, prendete questo video.

Non c’è bisogno di guardarlo tutto.

Ecco, mixate tutto con la mia follia (chi mi segue anche solo un pochino sa che sono pazzo) e vedrete che il titolo che ho messo calza proprio a pennello!

Quindi, dimostrerò al mondo che so temperare una matita.

Matita, dì pure se non è vero!”

“Se non è vero!”

“Non sei spiritosa, Matita”

Insomma, la Matita è qui a testimoniare se sono anche bravo a risolvere i problemi del temperino, ma una cosa per volta.

Come tutti dovremmo sapere, le Matite hanno la balzana abitudine di consumarsi, quando si usano, quindi hanno bisogno di essere “temperate”, ossia:

  1. Prendete una matita;
  2.  Infilatele dentro il temperino;
  3. Procuratevi un raccogli-trucioli (anche la bocca del vostro peggior nemico va bene);
  4. Tenete ferma con una mano il temperino, mentre con l’altra girate la matita . Noterete che dalla lama di metallo fuoriusciranno delle “bandierine” di legno. Ecco, quelli sono i trucioli.

Ci sono un sacco di forme di trucioli: a bandiera, a cono, a pezzettini… tutto dipende dall’abilità del “temperatore” e dalla qualità della matita e anche del temperino.

E adesso vediamo un po’ che dubbi avete, e che mi avete mandato nelle FAQ:

“Sei un deficiente, Aven: non hai detto che a volte può capitare che la grafite rimanga incastrata dentro il temperino. E ora che faccio?”

Innanzitutto grazie per il deficiente ❤ poi, bisogna prendere una forbice e fare attenzione nell’incastrarla dentro il temperino. Se si spinge nel modo giusto, la grafite va via.

“Di solito uso il portacolori come porta trucioli”

Beh, non tutti hanno l’inventiva di mia sorella di fabbricarne uno.

“Che differenza c’è fra temperino di plastica e il temperino di ferro?”

Chiediamolo a loro!

L’altro giorno mi ritrovavo a colloquiare col mio collega di plastica. Gli ho chiesto: ma tu non sei soggetto all’usura? E lui ha risposto: beh, la lametta prima o poi finisce. L’importante è essere sempre pronti ad accogliere tutte le grafiti che si incastrano! Mlmlmlml. Così ha risposto, infatti poi mi sono chiesto se non sbagliassi anche io

Insomma, come potete vedere i Temperini sono le vere vittime. Non abbandonateli, loro non lo fanno.

Un pensiero su “Tutorial: come temperare una matita

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...