Le avventure della grammatica/28

L’aposiopesi cattivo

Oggi nel foglio di testo arriva una nuova persona. Una persona aliena, che sembra proprio venuta da un altro pianeta.

“Buongiorno. Mi chiamo Aposiopesi e…”

Nessuno ha capito come si chiama.
“Oh, poverino” dice la Virgola. “Ma… in effetti dove viene l’aposiopesi? In testa? Sulla cervicale? Alle gambe? NON MI DIRE CHE È UN TUMORE! AIUTOOOO!”

La virgola scappa da tutte le frasi del testo e adesso il povero lettore dovrà chiedere un supplemento di polmone.

“Ma… io non…” L’aposiopesi soffre molto dei pregiudizi che hanno le altre figure grammaticali sul suo nome. Pertanto decide di vendicarsi e troncherà le frasi, dicendo senza dire.

“Salve” esordisce di nuovo, osservando chi è rimasto con sguardo torvo, se casomai potesse avere uno sguardo ce l’avrebbe così. “Sono l’aposiopesi e…”

Momento di pausa, in cui costui si mette le mani in  tasca e attende.

“E? non tenerci sulle spine!” esclama il Punto Esclamativo, che nella realtà si chiama Gianfranco.

“Sì, dicevo… che io…!” risponde dunque, e rispondendo subito, ma esitando proprio nel punto topico.

“Eh? Cosa bofonchi?” chiede il Punto Interrogativo, che nella realtà si chiama proprio Punto Interrogativo.

“Quello che ho detto… mi chiamo Aposiopesi e…”

“E? allora! Non possiamo stare qui per sempre ad attendere il tuo discorso! Dobbiamo anche farci leggere dal lettore e scrivere dallo scrittore!” esclama il punto, ormai stufo di certi giochetti. Avevano avuto incomprensioni con l’ellissi, adesso si stava davvero toccando il fondo.

“Lo so, ma…”

“Ma?”

“Ma vorrei comunque… non so…”

“Ancora esita! Io scappo!” e scappa anche il punto. Dopo le virgole, adesso il testo è nudo e crudo. Solo parole.

“Ti rendi conto che stai facendo scappare tutti, vero?” chiede il Punto Interrogativo.

“Sì… davvero, io…”

A forza di stroncare le frasi a metà, è normale che poi il testo genera da solo i puntini di sospensione.

“Ok, sono arrivati i pallini, capitano” dice la parentesi tonda al Punto Esclamativo Gianfranco.

“Uhuhuhuhu, bene. beccati questo!” estrae un mitra da chissà dove e RATATATATATATATA spara a raffica al povero Aposiopesi, che dunque è costretto a…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...