Le avventure della grammatica/34

Le domande retoriche… troppo retoriche

Capitano quelle giornate in cui sei annoiato e quello che ci vuole è solo rilassarsi e giocare ad esempio a freccette contro il Punto Esclamativo.

“EH?”

Scusami, stavo pensando ad alta voce.

“Aaaah”

Dicevo. Come mai si scrive sul foglio bianco?

“Domanda retorica”

Sì, certo, però, perché rispondi alla mia domanda con un’altra domanda?

A questo punto, arriva il Punto, che tutto sa e conosce, o quasi. In ogni caso, chiede “Ehi, ci sono domande retoriche qui? Non ne vogliamo!”

“Come mai non ne volete?” chiedo. Il Punto impazzisce e saltella a destra e a sinistra. “Come sarebbe? Che domanda retorica sarebbe? Certo che non vi vogliamo! Date fastidio!”

“Più o meno delle virgolette?”  chiedo ancora.

“Ancora più di… delle cose!”

Il Punto non collega più la lingua al cervello e continua a rimbalzare. Non solo, nel foglio è comparso dal nulla un cesto da basket e il Punto comincia a fare canestro da solo.

“Basta con le domande retoriche, sono il male del mondo!” esclama il Punto Esclamativo. Davvero, come può il Punto Interrogativo esclamare? Non può, per questo esclama il punto esclamativo.

“Perché sono il male del mondo?”chiede la Domanda Retorica, come se nessuno sapesse il motivo per cui sono effettivamente il male del mondo. Davvero, al foglio viene la febbre se per caso qualcuno facesse una domanda retorica.

Infatti, adesso diventa verde e palliduccio. E nessuno risponde alla domanda retorica. Un grande silenzio piomba su tutta la comunità, rotto solo dal Punto che continua a giocare a pallacanestro con se stesso.

“Coff, coff” tossisce la A. “Sapete perché ho tossito?”

“E voi sapete perché la A ha fatto questa domanda?” chiede la E.

“Oh no! Hai anche tu fatto una domanda retorica?” si stupisce la I.

“Le vocali sono entrate nel gorgo infernale! Mi ci tuffo anche io o no?” esclama la Y, che ambisce ancora a divenire la sesta vocale.

Alla fine, tutti si mettono a fare domande retoriche e quello che si ottiene è solo un grande caos. Al che, la Domanda Retorica che aveva invaso il foglio affonda le mani nelle grandi tasche dell’impermeabile nero e, soddisfatta, volta le spalle e va via, nel… chissà dove va, o cosa faccia.

Annunci

3 thoughts on “Le avventure della grammatica/34

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...