Un nuovo ospite nel Portafrutta.

“Allora dichiaro la riunione ufficialmente aperta!”

Finalmente c’eravamo davvero tutti: le mele, le pere, le banane, i mandarini, le arance e persino le albicocche.

Sono sempre molto contento quando i frutti si presentano al gran completo, e poi quel giorno si trattava di una riunione davvero importante.

“Perché non le facciamo più spesso queste riunioni? Eh?” chiesero le albicocche.

“Perché ci scoccia” sbuffarono le prugne secche. “Immagina che rottura dovere sempre riunirsi: stilare un ordine del giorno, aspettare che tutti diano la propria opinione, il dibattito e il terrificante VARIE ED EVENTUALI: che diavolo vuol dire ‘varie ed eventuali’? Di cosa si deve parlare, insomma? Delle noci che mi guardano strano?”

“EHI!” Esclamarono le noci, al che invitai tutti al silenzio.

“Se mi faceste parlare… dunque, ho sentito dire che verrà un nuovo ospite!Siate gentili ed educati, e soprattutto non fate battute sulla sua capigliatura!”

“Ah” recepì la pera. “la sua capigliatura si presta bene a battute? E allora io che devo dire che mi paragonano a un gol?”

“Tu perlomeno ad un gol… io sarei due seni” sospirò la mela.

“Eccolo, arriva!” avverto tutti e in effetti si presentò. Era tutto spigoloso e un ciuffo da far paura. Le mele trattennero a stento un riso.

“Buongiorno. Salve, mi chiamo Ananas e vengo dai tropici. Sono dunque un frutto esotico e il mio genere musicale preferito è la musica classica barocca”

“Oh, quindi un po’ Primo Barocco, Medio, Tardo…?” chiese il mandarancio.

“Sì, anche se preferisco il medio. Sapete, tardo mi fa pensare ai miei problemi con gli orari! Per non parlare poi del barocco colossale: grandioso! Autori come Orazio Benevoli, ad esempio, ha creato uno stile tutto suo e il fatto che si usavano addirittura dodici parti mi fa pensare che gli aspetti policorali non sempre interessavano il largo spazio, quindi…”

“Scusa ma perché hai quel ciuffo gigantesco sulla testa? Non sai che sembri uno spolverino?” chiese la Mela, interrompendo quel discorso culturalmente rivelante con una domanda tipicamente sua.

“Io… uno spolverino? MA SIETE CATTIVI! EPPURE…” e fuggì via disperato, tanto che dopo decise di tagliare il ciuffo e dopo qualche giorno tornò senza di quello, in modo da sembrare un’anguria spigolosa.

Nessuno ebbe nulla da ridire, fintantoché poi non venne tagliato e mangiato e solo allora la Mela disse “Beh, era spigoloso ma in fondo dolce”

Un po’ come la musica barocca.

 

2 pensieri su “Un nuovo ospite nel Portafrutta.

  1. Povero Ananas, diverso e per questo trattato male! Però a parlare di frutta mi hai fatto desiderare ľestate, quando, aprendo il frigo, c’è solo ľimbarazzo della scelta 😦

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...