Le mele a confronto.

LOLLA

Questa storia partecipa alla sfida denominata “24 storie in 24 ore” indetta da me stesso in cui io solo sono il partecipante.

“Sai, è bello essere una mela”

Quel giorno, la Mela chiamata Gino si era rivolta in questo modo all’altra mela.

“Esatto, Ernestolfo” rispose Gino. “E sono contento che fra noi non ci siano differenze di colori”

“Cosa vuoi dire, Gino?”

“Beh…” rispose Gino, un po’ titubante. “Io sono una mela rossa e tu bianca… non te ne eri accorto?”

Ernestolfo sbianca, più del giallastro che di solito permea la mela in questione.

“Tu! Mela Rossa! Quanto tempo ti aspettavo!”

“Ah! Perché? Volevi dirmi qualcosa?” chiese Gino.

“Certo! Sono molto curioso di sapere come mai non sei succosa quanto me!”

“Succosa? Come osi? Le mele rosse sono le più buone in assoluto!”

“Ah, sì? Facciamolo decidere ad un giudice imparziale!” Esclamò Ernestolfo altrettanto offeso. “Chi se la sente?”

Gli altri frutti del Portafrutta si guardano attorno come se stessero facendo finta di niente. All’improvviso, tuttavia, sbuca dalla massa un Fico.

“Ehi, che fico che sono!” esclamò, togliendosi gli occhiali da sole. “Serve aiuto?”

“Sì, ci serve un giudice per giudicare chi sia meglio fra la Mela Rossa o la Mela Gialla!”

“Mele, mele, sempre le mele! Perché invece non assaggiate la Papaya?” rispose il Fico, sorridendo alla Papaya del portafrutta, la quale però sudò fredda.

“Ehi… non credete a quello che dice il Fico. Sono pessima di sapore! E poi il signor Portafrutta mi difenderà in tutti i modi! Gusto?” cercò di difendersi quella.

“No, in realtà io esisto solo per far sì che l’utente scelga fra la frutta e metterle tutte in un posto” rispose lui, mandando la Papaya nel panico.

Ma ormai nessuno se ne stava interessando, dato che la guerra psicologica fra la Mela Bianca e quella Rossa era giunta all’apice, col Fico a rimirarsi allo specchio.

“Ragazzi, fate i buoni. Sono io il frutto più fico” disse colui che avrebbe dovuto essere giudice.

“Silenzio! La nostra è una gara a due” disse Ernestolfo, guardando Gino.

“Eva in tutti i quadri ha una mela rossa” disse Gino.

“Le mele gialle sono più zuccherine” affermò Ernestolfo.

“Tu hai un nome cacofonico” insultò Gino.

“Io ho un nome bellissimo! Wow!” Esclamò il Fico.

“AHAHAHA poveri sciocchi”

Una voce echeggiò nell’aria.

Aria chiusa, dentro una stanza buia, illuminata solo dalla fioca luce di uno schermo che riprendeva le due mele che si guardavano in cagnesco.

“Le mele rosse e bianche non si stancheranno mai a fare disputa! ma non sanno che le migliori sono le PESCHE!”

E la Pesca cominciò a spargere tè freddi al limone a tutta la sua servitù di mele verdi.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...