Quando la luce è in vacanza.

Immagine

AAAH! Non vedo più niente!

“Piantala, buio. Sono in vacanza”

A volte si tende a dimenticare che il buio si forma solo in assenza di luce, mentre io non ho bisogno di questi sotterfugi per nascere.

Inoltre, mi serve il buio perché a volte vado in vacanza; come ad esempio poco fa me ne sono andata e il buio ha cominciato a sclerare. A sclerare davvero, non come le sue solite crisi isteriche.

“No, sul serio. Non vedo più niente… e come mai sono così TETRO?”

Davvero non sapevi delle tue condizioni, Buio?

“No, ma… è strano! Io non ci sono abituato!”

Sul serio, Buio, ti stai facendo nuocere.

“No, è che non mi ha mai dato la possibilità di parlare! Guardate che io ho molta paura di me stesso, più dei bambini che… aaah! È un circolo vizioso!”

Ed io sono in vacanza, sdraiata sulla sdraio davanti a un bel mare agitato. Fammi leggere Sole 3000: hai saputo? Le macchie solari sono state trovate in atteggiamenti intimi con la fotosfera! Che scandalo!

Poi beh, il solito articolo stupido che dice che ci impiego otto minuti per fare centocinquanta milioni di chilometri… eh, provateci voi a camminare quando Mercurio e Venere ti rivolgono la parola ogni due minuti?

“Ehi, luce? Come va? Eh? Perché vai sulla Terra? Non vorresti passare un’ora d’amore con me? Magari ci prendiamo un gelato, no? Non vuoi un gelato?”

La frase sull’amore per lo più Venere. Ecco perché vado in vacanza, mettendo in blackout le case e a volte anche le città.

E poi c’è il buio che…

“AAAH! Non mi vedo allo specchio!”

Fa silenzio, Buio! E dai!

“Aaaah! Cosa sono? Mostri nell’armadio?”

No, sono solo vestiti. Davvero, Buio, finiscila.

“Non posso finirla! Finché non torni tu al lavoro dovrò convivere con me stesso e le mie fobie!”

Ho capito, anche oggi niente vacanza. E poi ecco, qualcuno sta accendendo una torcia, quindi adesso stiamo un po’ insieme.

“AAAAH! Mi sta illuminando!”

Ovvio, no?

“Ma chi avrebbe mai detto che sapevi fare le ombre cinesi? Io non ci riesco!”

Beh, se le persone al posto di giocare risolvessero il problema non l’avresti mai saputo. Ho un sacco di talenti, IO. Non tu che non riesci nemmeno a ragionare!

E poi arriva il Salvavita.

“Salve, sono il Salvavita. Salvo la vita!”

Salveresti la vita anche al Buio che ha paura di se stesso?

“No, quello no. Ho solo un interruttore che si abbassa e poi si alza con un dito. Poi volevo dire la mia sul buio. Il fatto è che…”

Prima che anche il Salvavita possa dire la sua, arriva il Dito.

“Ciao, sono il Dito! Ahahahah, non è divertente? A volte mi infilo nella narice per togliere…”

Sì, ho capito, basta che ti muovi!

“Ehi, come siamo permalosi…” e solleva il Salvavita, che diventa felice e il Buio non è più.

Mi tocca lavorare ancora. Uff!

Annunci

5 pensieri su “Quando la luce è in vacanza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...