Quando le pen drive vanno in vacanza.

“Ok, fatto”

Già il dirlo procurò alla povera Geralda una sensazione di libertà, di soddisfazione, accompagnata anche da un bel sospiro di sollievo. Aver finito il poema epico di genere epic fantasy di duemila pagine, tutto corredato da rime alternate endecasillabi non era stato facile, ma alla fine, dopo tantissime notti insonni, attacchi d’ira, di isteria, di accidia e persino di lussuria, che comprese anche un rapimento alieno, finalmente Geralda aveva finito, così si accinse a salvare il tutto.

///

“Be’, mi sa che tocca a noi”

La Pen Drive non ha tutti i torti. Geralda sta salvando, spingendo il suo puntatore verso il bottoncino a forma di floppy con scritto “Salva”.

“Sai, secondo te è prudente comprare due Pen Drive?”

“Certo, Pen Drive” mi risponde lei. Siamo gemelle, anche se lei è a forma di BB8 e io sono a forma di Goku. “Non sai che cataclismi possono accadere nel frattempo. Invasioni di meteoriti, ere glaciali, dinosauri che passano col rosso, scomparsa del telecomando… credimi, due Penne is megl che uàn, come diceva la pubblicità. E adesso scusami, vado a infilarmi nella porta USB”

Prima che vada, le chiedo: “Ma sai che significa USB?”

“Uva Sultanina Bestiale!” esclama lei, e io rimugino su questo acronimo, partendo con la fantasia a immaginare l’uva sultanina a cavallo di un quadrupede imbizzarrito mentre fa girare un lazo di fiamme in mezzo alle polverose strade di una città distrutta…

Insomma, tutto molto bello, ma poi la Pen Drive ritorna.

“Ebbene?” chiedo.

“Tutto a post, adesso posso andare in vacanza” risponde lei, già con gli occhiali da sole messi.

“ma… ma come?” rimango allibita. “E il preservare i file che vengono salvati dai cataclismi e tutta quella stria dei dinosauri vegani in combutta coi Templari?”

“Ti fai troppe domande, amica mia” osserva lei, e detto quello si butta sotto il divano, mentre poi tocca a me entrare nella USB e farmi salvare il suddetto file sacro, contenente una delle epopee più micidiali del ventunesimo secolo, in cui si parla in rima di un sacro guerriero dalla spada fosforescente in grado di uccidere i nemici, non senza avere pietà di loro. E poi draghi, elfi, folletti, elfi folletti… insomma duemila pagine tutte da leggere.

Sì, tutto molto bello, però… dov’è il mare? Voglio andare in vacanza! Adesso CAPISCO COSA INTENDE l’altra Pen Drive quando dice che non sono problemi nostri!

Allora indosso anche io gli occhiali da sole e un cappellino di paglia e me ne vado. Un semplice saltino dal tavolo e via verso l’ignoto!

///

“Oh, diamine! ma dove sono le Pen Derive? le avevo messe qua… pronto CIA? No, è l’FBI? Ah, il pentagono! No, sentite, DOVETE trovarmi queste Pen drive, ci avevo scrit… cosa? No, non sono in contatto con l’Area 51… d’accordo grazie!”

Porca miseria, si disse Geralda. Nemmeno gli USA l’avrebbero aiutata, e tuttavia stava smontando casa per trovarle, ma nulla. Sembravano volatilizzate, tanto da spingere Geralda a chiamare il proprio fratello, che però abitava a chilometri di distanza e per inciso stava per colpire la palla decisiva nella finale di biliardo dl quartiere, che lo avrebb reso campione.

“Pronto Geronimo? Sì, non è che per caso hai  visto le mie penn… no, ma che c’entra… cosa? Ti hanno eliminato e io sono una stronza? Va bene, ciao!”

Infine, Geralda chiamò sua madre, che la liquidò con un chiaro e netto “Sicuramente sono state rapite dallo Spiritello Burlone, devi solo attendere”

E le Penne, dopo tre anni da questa storia, continuano ad essere ostaggio dello Spiritello Burlone.

Annunci

5 pensieri su “Quando le pen drive vanno in vacanza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...