Le avventure di Isda/16

spescespada03

Isda e la superbia

Come tutte le cose, anche le pigne di mare a disposizione di Isda finiscono, costringendo il pesce a uscire dalla nuova confortevole casa, in grado di ospitare almeno cinquemila pesci. Cinquemila, oppure una sola megattera, ma le megattere non vivono nel Mediterraneo.

Nel suo infinito nuoto, Isda incontra tre pesci che discutono su chi sia il migliore fra loro. Per inciso, sono un Sarago, una Torpedine nera e una Bavosa,m che fa di cognome Capone, a giudicare dalla targhetta che ha sulla schiena.

“Ma stai zitto te, che sei anche fasciato!” stava esclamando la Torpedine.

“Torpe, guarda che noi siamo fasciati non perché abbiamo delle fratture, ma perché le nostre fasce sono tutte le medaglie che abbiamo vinto nei vari sport!”

“Ah sì? E quali? Il salto dello scoglio?” chiede sarcastica la Bavosa. “Noi invece siamo dorate perché riflettiamo i colori del sole, e quindi siamo le creature prescelte per salvare il mare dai sacchetti!”

“Sono sacchetti, quindi? Non meduse particolarmente citrulle?” chiede la torpedine nera.

“No, sono sacchetti” dice la Bavosa. “una volta mia cugina ci è entrata dentro e adesso ha l’ossessione di aprire un supermercato al mare, dove sarà assente il banco pescheria, ovviamente”

“E perché dovrebbe essere assente il banco pescheria?”

Tutti e tre i pesci si girano.

“ISDA! Che ci fai qui? Ancora a complottare contro il mare per dominarlo, vero?” chiede la Bavosa.

“No, ormai quei tempi sono passati” risponde stancamente Isda, rifiutandosi di spiegarle che si trattava di un gioco di ruolo, in quanto l’aveva già fatto e la Bavosa non aveva afferrato il concetto di gioco di ruolo. “Voglio solo dire che è perfettamente inutile stare qui a discutere quale pesce è superiore fra di voi, perché ci sarà un pesce superiore a te, sempre”

I tre contendenti guardano Isda ammirati. Ogni tanto dice una cosa saggia!

“E quale sarebbe allora il pesce più pesce di tutti?” chiede la Torpedine. “Lo squalo bianco?”

“Secondo me è il barracuda” tenta la Bavosa.

“State dimenticando il Granchio!” esclama il Sarago fasciato.

“Ma quello è un crostaceo, mica è un pesce!” esclama Isda stizzita, come sempre quando si parla a vanvera. “E comunque, sbagliate tutti e tre. Il vero pesce, l’infallibile e invincibile… sono IO! Inchinatevi alla mia maestà!”

Un sacco di meduse luminose prendono luce per far vedere meglio la protagonista del mare, e anche la spada laser le si illumina.

“Non vi state inchinando” osserva Isda.

“Ma va, va… dovevamo aspettarcelo” commenta la Torpedine, incoraggiando gli altri due pesci ad andarsene.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...