Le avventure di Isda/17

spescespada03

Isda e l’ira

“È Natale! Oddio, quanto è Natale da uno a Santa Klaus? Tieni, questo regalo è per te!”

Isda osserva bene il calamaro pazzo  e lo guarda con un misto di disprezzo e di pena.

“Così oggi è già il 25 Dicembre? La nascita di una divinità che ha camminato sopra di noi invece di nuotare?”

“Esatto” dice il calamaro. “Su, aprilo!”

Isda apre il pacchetto con la sua spada laser e vede che si tratta di un portachiavi a forma di Puntatore del pc.

“Oh, be’… l’importante è il pensiero” dice Isda provando a sorridere, anche se in mente sta considerando l’idea di fare una whishlist, per non far sbagliare tutti i conoscenti che volessero farle un regalo.

Isda butta via il portachiavi non appena il calamaro pazzo si allontana, assumendo un’espressione burbera.

Ciò che le dà fastidio del Natale è che fra i pesci nascono buoni sentimenti e regali riciclati dall’anno prima che cambiano proprietario.

“Buon Natale, Ostrica!” dice il Nasello.

“Buon Natale, Nasello!” esclama festante la biscia di mare.

“Mare, profumo di mare…” esulta l’Acciuga.

“Oooh, basta! BASTA!” esclamò Isda, alla quale viene messo un capello da Babbo Natale da un polpo burlone.

“Io decisamente ODIO il Natale! Perché vis tate scambiando doni che avete già avuto l’anno scorso! Ad esempio tu, Dentice barbuto! Il vaso da fiori te l’ho regalato IO l’anno scorso, e me lo stai in pratica restituendo!”

Il dentice viene guardato male e quindi arrossisce.

“Ma… è lo spirito natalizio, Isda. Almeno a Natale, non mangerò nessuna preda”! afferma lo squalo bianco, seguito da tutti gli altri babbuini che seguono solo il capo.

“Squalo, sei ridicolo vestito da Renna, renditene conto!” afferma Isda.

“O forse… RENNITENE conto! Visto che sono una renna oggi! Ahahahah!” dice lo squalo per recuperare credibilità, ma ormai tutti hanno smesso di seguirlo.

Isda scuote la testa e se ne va, andando chissà dove. “Oggi non ci sono per nessuno, andrò solo a prendere in giro chi si scambia regali  gioca a tombola! Che gioco idiota! E usate anche le COZZE per segnarvi i numeri! Aaaah!”

“Babbo, perché Isda è così incattivita?” chiede curioso un piccolo Astice al su babbo.

Il Babbo, che sa e vede tutto, se l’è fatto dire da un gabbiano una volta e quindi risponde: “Vedi, caro figlio, nessuno le ha ancora regalato ciò di cui Isda ha più bisogno”

“E cosa?”

“Un bello scappellotto!”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...