Di tramonti e fine storie.

Buon 2017 da tutto lo staff del blog de Le avventure di Tutto, che poi si compone di solo una persona.

 

Buonasera, sono il Tramonto e in quanto tramonto non dirò mai “buongiorno”. Accontentatevi e leggetemi di pomeriggio!

“Non sei simpatico, Tramy”

Silenzio, mare!

Ah, già. A quanto pare la migliore immagine di me la do solo se vengo ritratto col mare, quindi si può dire che sia il mio compagno di viaggio.

Io, come Tramonto, ho molto da dire. Ho molti compiti, che però non posso portarmi a casa da presentare il giorno dopo, piuttosto devo sbrigarli il prima possibile. Il primo fra tutti è quello di riportare dietro l’orizzonte il Sole, e non vi dico che fatica!

“Su, avanti, Sun” dico.

“No! Non voglio! Fammi vedere quei due pomiciare!”

“No. E adesso muoviti, ci sono i Nani dietro l’orizzonte che si stanno sconvolgendo” rispondo.

In effetti, dietro l’orizzonte, c’è una squadra di Nani pronti con i cavi e le funi a tirare giù il Sole, meglio detto Sun.

“FOPRZA RAGAZZI! DATECI DENTRO CON QUEI CAVI! AAAAH!”

Questo il commento più pacato.

E allora continua a dire”Ora possiamo andare? I colori del tramonto ci sono tutti, manchi solo tu ad affondare”

E, alla fine e con la promessa di tanti bei raggi solari, The Sun comincia ad affondare, ma in realtà si teletrasporta altrove, dove sarà l’alba, invece del tramonto.

E invece,m qui, comincerà la sera, laddove tutti tornano a casa. Persino questo  mio monologo, che dopo una giornata lunga e faticosa trova soddisfazione nel tirare giù l’astro e far addormentare il prossimo.

“Non è vero, anche la sera è divertente!” dice la Luna, ormai spuntata nel cielo.

E la fine delle storie? Possiamo considerare le sere come epiloghi di capitolo?

“Perché no?” risponde lei. “Purché non sia un finale aperto o infinito!”

Ehm…

Meglio tornare a me, Tramonto, e le mie sfaccettature. Non ho parlato infatti di quando mi capita i adempiere al mio compito nei giorni di pioggia.

“Sun, è ora di scendere”

“Con questo tempo? Ma mi bagno tutto! E se poi un fulmine mi colpisce?”

“Sarebbe assurdo, Sole. Innanzitutto sei una stella e quindi la pioggia non può farti male, inoltre i fulmini non sono minimamente potenti quanto te”

“Però io ecco…”

“INSOMMA! TI COMPORTI COME UNA SIGNORA ATTEMPATA!”

“Di mezza età” mi corregge, anche.

“Quello che è! Allora, sei pronto?”

“Sì, però tienimi la mano”

Allora, io e il sole scendiamo per l’orizzonte, ma un colpo di vento porta via il sole, che si disperde.

“Ecco! Te l’avevo detto iooo….”

E adesso chi lo dirà all’altra faccia della Terra?

Annunci

One thought on “Di tramonti e fine storie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...