la leggenda del Pirata scemo/3

immagine

Oddone venne rilasciato dagli Alieni, che gli avevano chiesto le informazioni per andare a casa sua.

Tuttavia, il nostro capitano preferito non aveva ancora capito perché la Donna Pannocchia gli avesse fatto proprio quella domanda, quella che si riferiva alla costruzione di una ciurma. Tanto poi, Ulisse insegna, la ciurma muore tutta, quindi per salvare la vita ai suoi possibili compagni non ne ha chiamato nemmeno uno.

Fu così che si rispose, ma adesso doveva ingegnarsi per tornare in mare, e tanto per cominciare gli toccava spostare il galeone da dov’era, ovvero incagliato sulla spiaggia.

Al che gli venne in soccorso il cric, che aveva portato con sé perché non si sapeva mai.

“Metti che poi devi dare colpi di cric in testa a qualcuno” aveva detto suo padre, l’ottuagenario che ripeteva sempre al stessa frase all’ospizio. Così gli aveva dato un cric che poi si rivelò utile nel suo ruolo ufficiale.

C’era solo un problema, ed Oddone se ne rese conto subito: il galeone non si spostava, nemmeno col cric, che anzi gli si spezzò in mano.

“No grazie, le isole non si spostano” affermò il galeone.

“E adesso che faccio?” si chiese. Poi, gli venne un’idea, raffigurata da una candela semi sciolta, poiché nella sua mente non c’era spazio per le lampadine.

Avrebbe preso una scialuppa! Per fortuna ne aveva installata una sul galeone!

Così salì, prese la scialuppa e si calò in mare, pronto a vivere una nuova entusiasmante avventura, come ad esempio quella che gli capitò non molte ore dopo.

“CASPITA!” esclamò urlando Oddone. “Ho dimenticato di portare con me l’acqua e le provviste!”

Per fortuna l’isola era ancora in bella vista, perciò tornò indietro, prese qualche frutta e l’acqua dall’isola che per fortuna non avevo ancora cancellato, e tornò in mare.

In mare, si sa, ci sono le sirene, e quelle volevano chiamarlo a sé sotto il mare, ma Oddone non era scemo.

“Sotto il mare smetterei di respirare!” esclamò convinto.

Proseguì nel suo percorso infinito, e il mare sembrava davvero grande. Le nuvole gli indicavano la direzione perché sembravano a forma di freccia.

E fu così che…

FINE

Sì, finisce così. Oddone si perde in mare perché è scemo e poi viene recuperato da una nave da crociera di passaggio, per poi essere ripescato a casa.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...