Le avventure del tris.

“Ehi, Zero!”

“Dimmi, Per!”

Momento di pausa. Nessuno dei due si parla per un bel pezzo. Il Per, ovvero la croce, attende la richiesta, o l’affermazione, o la sentenza dello Zero, visto che lo aveva chiamato.

Ma non arriva.

Il per comincia a sudare ansioso.

“Volevi dirmi qualcosa, Zero?” chiede il Per, alla fine.

“Non capisco cosa ci sia da ragionare in questo gioco. Voglio dire, siamo solo io e tu e nove caselle, vero? E allora…”

“Zitto, Zero” risponde il Per. Stanno tentando una nuova mossa”

La penna però ridacchia. “Sapete” dice ridacchiando “che questa è una sfida fra me e la matita?”

Sia io che lo Zero rimaniamo perplessi. “Davvero? Perché tu dovresti essere migliore della matita?”

“perché sono più elegante, l’inchiostro si vede meglio e la penna non deve essere temperata ogni due per tre. Insomma, le penne sono il top. E poi, qual è il detto ne uccide più la penna che la spada? Una volta ho ucciso dieci persone con una sola parola, sapete?”

Lo Zero chiede alla matita: “E tu, perché dovresti essere meglio della penna?”

“Perché non mi esaurisco, se sbaglio c’è la gomma che cancella, e se finisco di scrivere c’è il temperino che mi aguzza. Insomma sono praticamente inesauribile e attualmente il record di matita più piccola del mondo è sette millimetri, e scrive!”

Il Per conviene che le argomentazioni della matita siano più sostanziose. “Okay, allora proseguiamo con lo scontro!”

Ma, come spesso accade, lo Zeroper finisce in pareggio, perché nessuno dei due contendenti ha voluto o potuto usare il trucchetto per vincere sempre.

“E quindi? Chi vince? Facciamo un’altra partita?” chiede lo Zero.

“Un momento” dice la penna. “E voi? Fra di voi, chi è meglio? Lo zero o il per?”

Lo Zero e il per si osservano, scrutandosi in cagnesco. Chi è meglio?

Lo Zero si mette al centro delle caselle, mentre il Per si mette sulla terza casella. Allora lo Zero si posiziona sulla nona, mentre il Per risponde ponendosi sulla prima. Lo Zero, per evitare che il Per faccia Tris, si mette sulla seconda casella, in mezzo ai due Per e quest’ultimo allora va a sistemarsi sull’ottava casella.

“Mi sa che anche questa è finita pari…” dice il Per, ma lo Zero si gonfia ed esplode.

Ha vinto lui, perché ha ridotto in cenere la carta.

 

 

Annunci

2 pensieri su “Le avventure del tris.

  1. Quanti ricordi! Ore e ore a scuola passate con un foglio di carta o un gessetto fra le mani a cercare il trucco per vincere, sperando che l’altro non lo conosca (quasi mai successo ahah)

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...