Un due giugno magico.

Si ingrazia il generatore di prompt del sito “Racconti Vaganti” per la gentile collaborazione!

Personaggio: una protagonista femmina,un mago
Genere: nonsense
Caratteristiche: esplosione,vita vuota,scambio di persona
Coppia: het

Diciamo che Carola fino a quel momento non ha avuto una vita piena, anzi una vita proprio vuota.

Quando era piccola, giocava con le bambole con le amiche, mangiava la pasta e poi i compiti. Crescendo, è diventata una ragazza poco attiva, perché le secca persino sbuffare. Per quel motivo un giorno di giugno, il due giugno, è andata a prendere il pane, l’unica cosa che faceva volentieri perché al panificio c’era sempre un ottimo odore di pane appena sfornato.

E così anche quel pomeriggio è andata.

///

Il Mago Pinoppio era ormai molto vecchio, ma non ha mai smesso di fare incantesimi e pozioni nella sua grotta.

“Ah, questa tecnologia! Adesso devi perfino mettere l’insegna per potere vendere qualcosa altrimenti nessuno ti considera!” stava esclamando, finendo di affiggere la suddetta insegna sulla sua grotta.

Quel giorno stava aspettando Lambergiorgio, un sedicente avvocato con un sogno nel cuore: diventare una Vespa. E non una vespa nel senso di insetto, ma una Vespa Piaggio, magari anni Cinquanta.

Era successo che la settimana precedente Lambergiorgio aveva buttato una voce nella grotta.

“UNA VOCE” urlò dunque a pieni polmoni, e il vecchissimo e normopeso Pinoppio uscì fuori con la barba non proprio fatta.

“Cosa vuoi, o ragazzo dalle poche primavere?” chiese.

“Veramente siamo quasi in estate” lo corresse Lambergiorgio. “Ad ogni modo, ho un sogno nel cuore”

“I cassetti non vanno più di moda?”

“Nei cassetti ci tengo le robe stirate e lavate, proprio in quest’ordine”

“Ah” commentò il mago. “Che cosa vuoi?”

“Voglio diventare una Vespa”

“Perfetto, presentati fra sette giorni per l’incantesimo”

Pinoppio gli diede la ricevuta e un orario per l’appuntamento e quindi oggi Pinoppio aspetta con ansia sull’ingresso.

Sta di fatto che il panificio si trova sulla stessa strada della grotta, quindi non è un caso che Carola, che abita in questo strano paese dove si trovano grotte anche in centro città, ci passa davanti.

///

C’è da dire che Carola in quel periodo porta i capelli corti, come un maschio, e dato che Lambergiorgio è biondo esattamente quanto lei, Pinoppio crede di aver di fronte il suo tanto decantato cliente.

“Uppi uppi, Vespa diventerai!”

Una volta recitato l’incantesimo, una nebbiolina a forma di Vespa entra nelle narici della povera Carola, la quale dopo aver starnutito, si sente in effetti diversa, e anche coi capelli lunghi.

“ODDIO SONO DIVENTATA UNA VESPA!” urla disperata, e Lambergiorgio a portata d’orecchi si dispera non poco. “Mago Pinoppio! Non sai distinguere un uomo da una donna? Era il mio fidanzato Lambergiorgio che voleva diventarlo, non io!”

Pinoppio sbalordisce e decide che da quel momento in poi si sarebbe dedicato ai tarocchi, ma ormai è troppo tardi. Carola lascia Lambergiorgio e va all’avventura come Donna-Vespa.

 

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...