La lumaca Teresina/6

immagine

 

Teresina si butta al mare

Teresina va dunque alla città delle cozze, situata sugli scogli.

È pieno di cozze. Ma proprio che il numero raggiunge almeno le tre cifre.

Teresina, che sopporta poco l’umido e ancora meno il sale, si mette a cercare i suoi poteri in mezzo a quelle bivalve che non sono altro.

“Scusa, Cozza?” esordisce Teresina, cercando di concludere la missione il prima possibile.

“EHI! PIANO CON I TERMINI!” urla la Cozza, che tale è ma non vuole essere chiamata così, da quando gli umani le hanno appioppato un brutto paragone.

“Scusami… tu, bivalva nera dal cuore gommoso” si corregge Teresina. “Ho bisogno di trovare i miei poteri. Non ditemi che sono caduti in mare perché sarebbe poco consono alla mia natura”

“Cioè?” chiede la bivalva.

“Mi scioglierei”

“Ah, ok” dice la Cozza. “In ogni caso, non occorre che tu cada in mare, ci penserà Isda il pesce spada a recuperare i tuoi poteri, visto che sono proprio caduti nelle profondità degli abissi”

Isda, sentendosi nominata a sproposito, sbuffa. Mai che gliene vada bene una!

D’altro canto anche Teresina sbuffa. Mai che gliene vada bene una! E adesso deve affidarsi a un pesce spada per vedere recuperati i suoi poteri!

Si fa sera, si fa notte e sorge il nuovo mattino, ma Isda non è ancora sbucata.

“Allora? Che sta facendo?” chiede Teresina, arrivata al limite della pazienza.

“Un attimo di pazienza, Isda deve pure sollazzarsi coi tuoi poteri, no?” dice la Cozza, un attimo prima di essere catturata da un pescatore di passaggio.

Infine, mentre Teresina aspetta, sorge un secondo e un terzo giorno. Finalmente, al quattordicesimo, un pesce spada sbuca dalla superficie dell’acqua.

“Eccomi puntualissima” dice Isda, rilasciando un sacchetto nero della spazzatura.

“Puntualissima? PUNTUALISSIMA? Ma io l’ammazzo!” esclama Teresina, cercando di tuffarsi per uccidere Isda, e in effetti adesso che ha di nuovo i poteri può farlo senza subire danni.

Dal canto suo il pesce spada accoglie con entusiasmo la sfida, estraendo la sua personale spada laser.

“Ti disintegro, maledizione!” esclama, combattendo ad armi pari contro una lumaca dotata di tutti i superpoteri scaricati da internet, compreso quello di diventare lei stessa una spada laser, i cui colpi rimbombano sul naso di Isda e creano agitazioni sotto il mare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...