Tutorial: rispettare il semaforo.

Immagine

Troppi colori, vero? Non sarebbe meglio averne solo uno?

Il semaforo lo vedi. Lo senti. È una concezione, uno stato mentale. Sarebbe meglio aggiungere colori o toglierli? E soprattutto, a cosa servono?

I semafori, ad oggi, contano solo tre colori: il rosso; il quale serve per fermarsi e magari fare uno spuntino, rispondere ai messaggi e farsi un selfie davanti all’incrocio, il giallo che serve a correre per tutto l’incrocio prima che scatti il rosso, e il verde amico dell’ambiente e dei prati e di tutto quello che si può innaffiare.

Quindi, dopo aver esplicato bene e con dovizia di particolari quali siano i colori del semaforo, adesso parliamo dell’omino rinchiuso all’interno di esso.

 Non tutti sanno che è una persona vera che esiste. Si chiama Almazio Giovanni (Giovanni di cognome) ed è nato là dentro, ai tempi di quando il mondo era giovane ed esistevano solo tre posizioni utilizzabili per l’uomo umano: quella ferma, quella camminante e quella a metà.

Almazio non  ha mai saputo che nel frattempo il mondo si è evoluto fino ad arrivare addirittura alle contorsioni, ma forse a lui non interessa nemmeno, perché è pagato a suon di elettricità per fare quello che sappiamo. Tranne una volta, in cui ha osato rivolgere la parola a un uomo solo per il banale motivo che gli facevano male le scarpe.

A parte quella volta, è rimasto fermo oppure in movimento, a seconda di come ci si deve muovere nell’incrocio.

“E per quanto riguarda le macchine?”

Se avete notato, non ci sono omini nei semafori delle auto.

“E per quanto riguardano le figure geometriche in alcuni semafori?”

In quel caso non dovete calcolare né la base né l’altezza né le altre cose astruse. Piuttosto rispettare un semaforo vuol dire che:

  • col VERDE si passa tranquillamente, a meno che non spunti la macchina dalla curva e ti metta sotto, ché è verde anche per lui;
  • col GIALLO non si corre (NO) ma se si è all’incrocio si deve concludere il tratto, mentre se si è sul marciapiede si attende il…
  • ROSSO, in cui è sottinteso che si deve bere un ginger.

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...