Astorgio e le Maioliche.

Fra tutti i supereroi, quello più colorato è l’Uomo/Maiolica.

Forse nessuno ne ha mai sentito parlare, perché probabilmente oggi è il suo primo giorno. Quest’uomo nasce nel paese delle ceramiche, si ciba essenzialmente di coloranti alimentari e conduceva una vita tranquilla. Si chiamava Astorgio. Astorgio amava pescare: pescava gomme, sacchetti, ami ed esche, quelle degli altri e infatti una volta litigò con l’uomo/armadio, il quale essendo molto quadrato aveva la facoltà di rapire le persone costringendole su una gruccia. Un giorno però, mentre andava in bicicletta, cadde inciampando dentro un enorme contenitore per vasellame, assumendone quindi forme e colori. “Santa arte! Sei diventato un uomo/maiolica!” Astorgio, nel sentire la notizia datagli dal fabbricante, andò subito a creare un mantellino a fantasie romboidali arancione e blu, e si chiese: “Ebbene, cosa può fare un uomo/maiolica?”
Lo chiese al saggio pesce rosso che rispose: “Ebbene, puoi sparare vernice, lanciare pesanti mattonelle infinite, preparare il tè grazie alò vasellame… ma c’è una specie di effetto collaterale”
“Quale?”
“L’uomo/maiolica è come il suo mantello: se lo stendi diventa un foglio”
Astorgio fu colpito. “Ma tu come sai tutte queste cose, che sei solo un pesce?”
Il pesce rosso scomparve dalla boccia, ripetendo ad eco queste parole: “I tuoi poteri individuali salveranno l’universo, ma attento ai fogli… fogli… fogli…”
Astorgio capì allora per qualche strana ragione che doveva andare a sconfiggere il malefico Lord Foglio, il nemico a due dimensioni. Lord Foglio aveva rapito persino la povera Lady Inchiostro e le disse: “Da adesso in poi ci penserai due volte ad imbrattarmi!” esclamò Lord Foglio con una risata malvagia da perfido cattivo inventato sul momento. Ebbene l’uomo/maiolica chiamò la fedele piastrella a scacchi volante, si fiondò su Lord Foglio, gli disse “Tu! Sai quante dimensioni hai?”
E lui: “Due”
“Ebbene, io tre! Tre a due! Palla al centro!” e lo bucò con una forbice, perché forbice batte carta. Lord Foglio venne sconfitto, Lady Inchiostro scrisse “Grazie <3” sopra il mantello di Astorgio e quest’ultimo seppe che in fondo, per quanto ipnotiche e affascinanti le ceramiche, se lanciate fanno male.
Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...