La Ropa Sucia/091

Immagine

Improvvisamente, si sentì bussare alla porta.

“Chi sarà mai?” chiese Raquel, che stava rammendando un calzino. Rammendare calzini era fondamentale per la società dell’epoca, soprattutto vivendo in una catapecchia facendo i finti poveri com’era la famiglia Garcia. “Amore mio, vai ad aprire”

Fernando era a petto nudo, data l’assolata mattina di marzo in cui erano capitati. Aprì e si vide di fronte un uomo vestito di tutto punto, persino con gilet, cravatta, soprabito, guanti e cappello.

“S… salve” disse Fernando. “Chi siete?”

“Fai bene a chiederti chi sono, perché non potrei risponderti se mi chiedessi chi non sono” rispose quegli. “Mi chiamo Romàn Garcia, e sono venuto qui per risollevare la mia Casa dalla disgrazia in cui è caduta”

Raquel si sentì sorpresa e arrossì imbarazzata, perché quell’uomo con la voce calda aveva puntato il suo sguardo magnetico su di lei. Non poteva credere che fosse suo zio, che sfiga!

“Impossibile” disse Fernando. “Raquel vive con me, ci amiamo”

Romàn fu colpito da quell’affermazione. “Amore? Cos’è l’amore, tu puoi magicamente dirlo, ragazzo senza vestiti, eccettuato forse questo pantalone di tuta e le mutande all’interno?”

“Certamente, messere” rispose. “Per quanto mi riguarda, dovete dimostrarmi che siete parente della mia fidanzata, altrimenti non la lascio partire”

Romàn estrasse un foglio dall’interno del suo soprabito e lo porse all’incredulo Fernando.

“Raquel capirà. Il tesoro che abbiamo trovato sotto il pavimento è suo, l’ho giurato prima di partire”

Raquel si mise le mani sulla bocca, stupefatta, ma prima che qualcun altro potesse fare altro arrivò l’automobile di Miguel Espimas.

Dal canto suo, Miguel aveva seguito le vicende di Villa Nueva un po’ in disparte, ma adesso era pronto a contrattaccare e conquistare quel sistema. Stava persino pensando di arruolarsi nell’armata nera, come aveva fatto Roberto, l’aitante runner.

Miguel guardò sprezzante il fratello e, ignorando l’omone che gli stava di fronte sulla soglia di quella casupola, disse “Dobbiamo andare. Ti stanno cercando. A dire il vero, stanno cercando l’anello di Alfio”

“Lo stiamo cercando tutti!” esclamò un’altra voce. Era Rosa, la chica formosa, vecchia fiamma di Miguel, la quale provocò un sobbalzo nello stomaco dello stesso.

“Rosa… che ci fai qui?”

“Sono qui per parlare con Fernando!” esclamò lei, fissando il fratello, ignorando l’omone come aveva fatto Miguel qualche secondo prima.

“Cosa vuoi, Rosa?” chiese lui.

“Chiederti dove sei stato! Perché hai rapito Raquel?”

“L’ha rapita?” chiese incredulo e rabbioso Romàn, il quale non ci vide più dalla rabbia. “Maledetto bastardo!” e detto quello gli mollò un pugno, che fece tramortire il povero ragazzo al suolo, con un rivolo di sangue al naso e alla bocca.

“Oh, mio Dio! Fernando!” strillò Raquel, andando a curarlo.

“No, che fai? Tu vieni con me!” esclamò imperioso Romàn, e, letteralmente, Raquel non poté fare più nulla, fu costretta a seguire lo zio.

Rimasero in quella casupola solamente i tre fratelli, di cui uno esanime a terra.

“Allora prenderemo noi l’anello, vero?” chiese Miguel a Rosa, ma lui non riusciva a vederla come tale.

“Sbagliato! Saremo noi a prenderlo!”

Una voce riempì l’aria. Era el loco, accompagnato dal tiburòn, che probabilmente aveva ripetuto la stessa frase in sincrono col fratello, ma non si era sentito.

Nel frattempo un oggetto circolare dorato con su scritto Alfio x Ana Lucia campeggiava proprio sulla credenza, splendente come il sole.

Era l’anello del nonno.

Il tutto mentre la lavatrice continuava a girare…

2 pensieri su “La Ropa Sucia/091

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...