La Ropa Sucia/220

Immagine

El viejo era sempre stato un passo avanti a tutti, Jorge ne era sempre stato convinto.

Adesso, però, stava cominciando a pensare che probabilmente aveva fermato lui stesso il suo cuore, apposta, per poter non vedere Villa Nueva sconvolgersi.

Aveva predisposto tutto sin dall’inizio. Da quando aveva dato l’anello a Fernando, erano successe tante e tali cose… che però erano state tutte quante previste in qualche modo da suo padre.

E adesso anche Matìas ci era arrivato, e ne aveva parlato con lui, perché condividevano lo stesso disagio di stare in una cella. Chissà quale associazione di idee gli era servita per arrivare a tale conclusione.

In ogni caso, non importava. Adesso, quello che importava era che tutte le cose erano andate al loro posto. Toccava solamente…

“… Prendere la chiave” concluse lui, fissando negli occhi un perplesso Romàn.

“Sì, certo, la chiave. E dove sarebbe finita? È da giorni che cerco di dirtelo!”

Nel frattempo, il fatto che la chiave sia in realtà della cognata di Gonzalo Sanchez fu di estremo interesse per l’amministrazione comunale di Villa Nueva nord, anche se era un po’ ridicolo chiamarla così, ma ormai il danno era fatto. Peraltro, anche la bandiera comunale era stata spezzata a metà e lo stemma di conseguenza.

Avevano aperto dei nuovi uffici, ben distanti dal vecchio Miunicipio, sui cui si era insediato il legittimo propeitario.

“È stata una bella festa, alla fine” commentò Ramòn Fernandez. Adesso non aveva più una finestra su cui poter stare in piedi, così era tornato a sedersi sulla poltrona con la schiane rivbolta alla scrivania, lasciando che i suoi occhi si ipnotizzassero davanti al danzate fuoco di un camino. L’inverno si avvicinanava e la temperatura era scesa.

“Già. Qualcuno ha fatto una torta in quattro e quattr’otto, ma non sono riuscito a capire chi” disse Alfonso, tenendo per mano la sua nuova fiamma, Rebecca Jones.

“Miguel e Clara sono tornati insieme?” disse il boss del Clan dei Neri.

“No… ho soltanto spiato la loro casa, vestendomi da orologio e Clara non era ancora tornata. Evidentemente è sotto osservazione, ma il clima è abbastanza disteso e ho sentito che Miguel vorrebbe perdornare la moglie per la scappatella di Fernando” disse Rebecca Jones.

“Evidentemente, il lutto per Cassandra è stato più forte dell’odio, ma non era lei che sarebbe dovuta morire” disse Ramòn. Avvicinò la mano destra e accarezzò Jùlio, il condor che aveva catturato prima di andarsene.

“Avremmo dovuto uccidere Francisco Miranda. Adesso siamo nei pasticci, per via del fatto che adesso ci sono lettere anonime che compaiono ovunque”

Era vero. Il Boss si era accorto che Rosa, la chica formosa, aveva messo su un suo Clan composto solo da lei e mandava lettere a tutti, pur senza avere la chiave dei Garcia, che si diceva contenere un grosso tesoro.

Tuttavia, tutti pensavano fosse impazzita. Aprire quelle lettere significava leggere le stupidaggini di una ragazzina viziata e annoiata in cerca di attenzioni, quindi nessuno lo fece.

Rosa se ne lamentò col loco.

“Nessuno vuole venire al nostro matrimonio” disse Rosa, sospirando sconfortata e sprofondando sul comodo divano di casa Gutierrez. Si diceva fosse uno dei più comodi del mondo. El loco ebbe un piccolo infarto.

“Quando ti ho chiesto di sposarti?” chiese lui, la voce spezzata e prendendo velocemente un drink dal posto che sapeva lui.

“Stai scherzando? Ah, già che sei loco… dobbiamo sposarci prima di Pedro e Analisa, perché ci ho pensato e non posso reggere di essere sorpassata da lei!” esclamò Rosa. La guancia era ancora gonfia, e fu soprattutto per quello che el loco non se la sentì di contraddirla. Ma sposarsi…

“E se ci sposassimo tutti e quattro insieme lo stesso giorno?” propose lì per lì. “Tanto, siamo i loro testimoni! Loro lo fanno per noi e dimentichiamo il tutto con un amen”

E la lavatrice continuava a girare…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...