I CFU della felicità.

Immagine

Oddio! Ho un esame domani!

“Quale sarebbe, caro mio?”

Devo dare la felicità. Vedo Frank, la cui faccia sembra allibita. Eppure dovrebbe saperlo che all’università della vita si studia la felicità, si danno materie come parlare e conservare biglietti dell’autobus scaduti, e come accendere una lavatrice!

Al che, so di non sapere come si fa ad essere felici.

Lo chiedo al semaforo.

“Scusa, Sem”

Il semaforo si accende col rosso. “Cos’è, ti emozioni perché ti ho chiamato Sem?” il semaforo risponde “Al momento sono fermo. Devi attendere il verde”

Mi volto e vedo già una fila di macchine che comincia strombazzare. Ok., so che la felicità non è qui. Vado dal signor Koala, allora. Insomma, sta appeso su un albero e la sua unica preoccupazione è mangiare e lanciare bambù addosso ai tucani antipatici… quale animale può permetterselo?

“Scusa, Koala”

“Non parlarmi”

Il Koala fa cenno di zittirmi. Sembra concentrato, perché, adesso lo capisco, vuole svegliare il canguro che dorme colpendolo col bambù.

“Ora!” esclama e la canna finisce dritta in testa al canguro che, con un salto, esclama irritato. “Come osi? Non lo saio che non si sveglia il canguro che dorme?”

Comincia quindi a picchiare il Koala, che risponde con potenti gittate di fuoco.

Li lascio litigare. La felicità… che cosa può essere?

Vado dal professore per dare l’esame, il dottor Felice La Vita.

“Professore, mi metta trenta”

Il professore mi guarda distogliendo l’attenzione da una vite senza fine che fino a quel momento aveva ipnotizzato.

“E perché dovrei? E soprattutto, mi metta trenta… cosa? Arance? Koala? semafori? Ma ha capito cos’è la felicità?”

Io rispondo “Certo che lo so!” La felicità è avere un trenta in una materia difficile senza avere studiato”

Felice La Vita viene colpito come se fosse stato una vite. Noto solo adesso che ha un maglione con su cucita una vite.

“lei è un grandissimo paraculo, signor La Pioggia! E va bene, le metto trenta ma si scordi la lode!”

Beh, tanto nessuno l’aveva cercata.

Mi alzo e torno dal Koala.

“Scusa signor Koala, è vero che la pioggia è incolore?”

Lo chiedo perché mi era venuto in mente che la felicità avrebbe potuto essere una cioccolata calda mentre si guarda la tempesta infuriare fuori.

“Sì” risponde lui “Purché i semafori siano verdi!”

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...