Famiglia o…?

“Famiglia”… tutti ne parlano, tutti fanno parte almeno di una, ma che cos’è la famiglia stessa?

La parola è composta da Fam che vuol dire fame e iglia, che vuol dire miglia.

Quindi, in sostanza possiamo dire che famiglia vuol dire avere fame di una passeggiata. O mangiare asfalto.

C’è il marito, il quale mangia intento a farsi gli affari propri. I due figli, un maschio e una femmina, cercano sempre di tirarsi addosso le molliche di pane e la moglie di lui, affranta, sta appunto pensando a cosa significa famiglia. È appena arrivata alla conclusione di cui sopra e vorrebbe comunicarlo a qualcuno.

“Invece di lanciarvi addosso molliche di pane, che ne direste se famiglia volesse dire fame di miglia?”

“Di miglio, vorrai dire” interviene il figlio, “ma siccome non siamo uccellini, credo che continuerò a mangiare la pasta al forno”

In effetti quella sera sul piatto, per ciascuno di loro, c’è un piatto di pasta al forno. Un agglomerato di anelletti, immersi nel sugo e belli caldi e croccanti, con all’interno un cuore di ragù, uova sode e una serie di altri ingredienti.

Sembra risolta la questione, ma la madre non si dà per vinta. “Scusate, ma perché non dovremmo avere fame di miglia? Da quant’è che non andiamo a piedi? Perché prendiamo solo la macchina? Perché cinque e non tre virgola otto? Eh? Mercoledì?”

“Zuppiera, mamma” dichiara la figlia, molto saggiamente. “Comunque, voglio dire, siamo noi una famiglia. Pensaci, io mi chiamo Federica, mio fratello Antonio, tu Milena e papà si chiama Gliacopo”

Jacopo si riscuote da una profonda fantasticheria riguardante i mercoledì contenuti dentro le zuppiere e, dopo qualche secondo di tensione in cui guarda gli altri membri della tavolata pieno di perplessità e dice “Ma le zuppiere non possono stare comodamente nei mercoledì, che avendo ventiquattro ore starebbero anche più comodi?”

Improvvisamente, però, guarda torvo la povera Federica, la quale sta già terminando la sua porzione di pasta.

“Un momento. Io mi chiamo Jacopo, con la J di Juventus, non Gliacopo

“Sì, beh, ma siamo una Famiglia oppure no?” dice Antonio, mettendo su Spotify We Are Family.

“Io credevo fossi tutti dentro una grande zuppiera…” dice Jacopo, e in effetti una forchetta e un cucchiaio di plastica affondano in mezzo a loro mentre compare una foresta di lattughe. I quattro chicchi di mais, che stavano mangiando fino a quel momento e si erano riconosciuti come membri di una bella famiglia, si confondono a questi…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...