La polpetta e l’hamburger.

Immagine

Betta la polpetta non era un pasto come tutti gli altri: lei uccideva.

Assieme a tutte le altre Bette polpette, si riuniva ogni settimana per andare a uccidere i temuti rivali, gli hamburger. Quel giorno, Betta disse alle altre: “Ci sono tanti modi di cucinare un hamburger. Oggi vogliamo farlo con le patate o alla griglia!”

“Oh” dissero in coro le altre Bette “Così almeno il mondo si colorerà dell’oro delle patate! Calde, croccanti, tutte assiepate intorno alla friggitrice, possono fungere come frecce!” A Betta venne l’idea del secolo. Fece disporre le sue compagne come una legione romana, che ricordiamo non è una regione cinese, e diede a ciascuna una patatina. “Con questa nuova arma di distruzione della griglia” disse “Dobbiamo ma anche possiamo uccidere i temuti hamburger, colpendoli a colpi di lancia patatina!” Ci fu un grido convinto, mentre marciarono in questo luogo bellissimo che è la padella. la padella nel frattempo non si aspettava quella visita, piuttosto stava terminando la lettura del capolavoro di milleduecento pagine intitolato il perfido Lord nella stanza. Milleduecento pagine con un protagonista dentro una stanza, senza dialoghi. “… E alla fine il lord disse. sono lordo. Fine.” Concluse la padella. Gli hamburger restarono affascinanti. “Che storia avvincente! Mi ricorda di quando abbiamo sentito degli orsi che volano sui tortellini!”

La padella annuì e disse “Adesso sdraiati su questo olio caldo, su”

Gli hamburger in effetti avevano la passione della tintarella, quindi si tuffarono ben volentieri per diventare abbrustoliti come un certo presentatore di un noto canale della tv di stato.

Il primo era pronto per fare un tuffo olimpionico, ma le polpette lanciarono in massa le patatine che caddero ciascuna in un posto diverso, ma nessuna colpì alcun bersaglio. Una di loro disse “Ciao, Forchetta” essendo caduta nel porta posate, e si convinse di essere tale.

Betta la forchetta considerò fallita la missione e pensò che, in fondo, gli hamburger caldi potevano essere usati come dischi volanti. Così si misero sopra uno di loro ed entrò nel pianeta della salsa rosa.

 

 

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...