Una campana, grazie.

Immagine

“Una campana, grazie”

Al negozio del fabbro nessuno avrebbe mai immaginato che sarebbe arrivata una richiesta del genere. Di solito si chiedevano spade. Spade lunghe, corte, febbrili, automatiche, semi automatiche e dal calibro diverso a seconda delle esigenze.

Stavolta, però, si era chiesta una campana.

Il fabbro dunque la fece, ma non ricordava il procedimento.

“Allora, prima si fa un… un? Com’è fatta una campana?”

Il quel villaggio sperduto della Borgozia nessuno aveva mai celebrato una messa cristiana o comunque nessuno aveva mai suonato una campana, neanche per segnalare il passaggio delle vacche, perché si preferiva usare un megafono per vacche.

“In effetti serve uno stampino” disse il fabbro. Così prese il suo cavallo, dotato di ferri di cavallo fatti da lui stesso, e andò dal suo compare fabbro del villaggio vicino.

Dopo tre giorni di viaggio e tre settimane tenuto rapito dai briganti, arrivò nel villaggio desiderato.

“Mi dai uno stampino per campane?” chiese il fabbro viaggiatore all’altro, utilizzando l’idioma corrente. che sono riuscito a tradurre per l’occasione.

“Forse” rispose lui. “Prima devi dirmi se il gioco della palla può servire anche per dare calci”

“Certo” disse il fabbro, senza sapere che aveva appena introdotto il gioco del pallone a calci nello stato di Borgozia, facendo entrare l’intero popolo in un gorgo oscuro di perfidie, invidie e maldicenze che si faceva prima a entrare in guerra.

Preso lo stampino e impiegando quattro mesi a tornare, il fabbro si mise a produrre una campana che i recensori del famoso settimanale dattiloscritto “Quattro fabbri” avevano giudicato “Senza infamia e senza lode”.

“Ecco la tua campana” disse il fabbro al monaco che la voleva. Il monaco osservò on tanto di occhi quell’oggetto e sorrise mestamente.

“Vi ringrazio ma da quando in questa paese il potestà ha ordinato l’esproprio di tutti i posti religiosi non ce ne facciamo niente di un campanile. Addio!”

Il fabbro capì perché faceva sempre spade.

 

 

2 pensieri su “Una campana, grazie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...