La storia nella storia.

Immagine

Dunque, la nutella bicolore aveva preso coscienza di sé. Andò dai suoi figli, Cacao e Latte, e andò da loro a raccontare una storiella.

“C’era una volta una palma. Le palme sono quelle piante da cui nasce l’olio, che è talmente buono da essere proibito.

Allora la palma disse: Sono stufa di essere considerata meno degli altri! Voglio dire, tutti vanno a vedere i mandorli in fiore mentre io più che fare da decorazione alle spiagge non faccio! Ma mentiva, perché i cocchi allora dove nascono? Fu il turno dunque del cocco, il quale disse Tutto ciò mi ricorda quella volta che siamo andati al bar. Eravamo io, una banana e una papaya.

C’era Joe, un barista nero corpulento, che puliva in maniera violenta un bicchiere che non voleva pulirsi, perché gli piaceva stare sporco, ma questo lo scoprimmo dopo. Joe disse alla papaya: Che sport fai? E lei: Una volta eravamo a Salonicco. La banana disse ridendo Tu non sei mai stata a Salonicco! Ma la papaya la zittì mettendole il cocco in bocca e proseguì col suo racconto.

Una volta eravamo a Salonicco, e tutti eravamo entusiasti per il solo fatto che quella città greca aveva nascosto nel nome le ultime tre lettere del signor Cocco, cosa che non tutti potevano vantare. Allora, a un certo punto ebbi voglia di un fritto misto di pesce. Andai da un pescatore. Gli dissi se ne aveva un po’ e allora prese a raccontare

C’era una volta un albero al vento. i rami si percuotevano da soli, a volte perché volevano postare poi la foto su un social network che non riesco a nominare senza ridere, altri perché appunto c’era il vento bullo che li spingeva. Nessuno di loro però aveva idea che un pino non fa le ciliegie. Lo sapeva però un picchio che stava lì, nell’albero, a picchiare come se fosse un Puntatore con la sua Cartella.

Io ero entusiasta, lo fu anche Joe e anche io fui entusiasta di essere stato messo nella bocca della banana. Capito? La palma aveva ascoltato ammirata tutto il racconto e non parlò mai più male dei cocchi, perlomeno.”

La nutella concluse il suo racconto ai figli e continuò a essere spalmata come sempre, soddisfatta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...