Condivisione: un grosso bellissimo sbaglio.

41Y7q+0P0wL._SX331_BO1,204,203,200_

E se una serata all’apparenza come tante altre, tra scotch e bicchieri riempiti a metà, nel cuore di San Diego, in California, diventasse invece il fulcro dell’esplosione di un amore? Ma non l’amore preconfezionato che siamo abituati a leggere nei soliti romanzi. A sconvolgere ogni equilibrio e scardinare ogni regola saranno le contraddizioni della vita di Savannah. Le conseguenze inevitabili di un gesto inaspettato saranno il frutto delizioso di un grosso, bellissimo sbaglio.

Questa è la sinossi di “Un grosso bellissimo sbaglio“, scritto da Roberta Schettino e edito da Santelli Editore.

Che cosa ho imparato da questo tour di libri che sto proponendo settimana dopo settimana? Che offrire il mio spazio agli emergenti, che abbiano pubblicato o che abbiano scelto il self, è molto utile e si vengono a scoprire un sacco di persone nuove, ed io sono lieto di fare la conoscenza con ciascuno di loro. E poi nell’ottica della crescita di entrambi, io vengo visualizzato e loro hanno uno spazio dove presentare, anche se virtuale. Almeno l’articolo gira su internet.

Oggi è il giorno di Logan e Savannah, dunque. Ho intervistato Roberta per farli conoscere meglio e questo è quello che è venuto fuori. Buona lettura!

  1. Ciao, benvenuta in questo spazio! Parlaci un po’ del libro.

Il mio libro è il tentativo di trasportare nel genere del romanzo rosa, temi molto delicati, come la crescita interiore, la rinuncia ai propri sogni per le difficoltà e gli ostacoli che la vita ci mette davanti. E’ un modo per dimostrare che anche un romanzo rosa può trasmettere emozioni e significati forti.

 

  1. Com’è venuta l’idea? L’hai sempre avuta in mente?

 

No. L’idea è nata quando a 16 anni ho iniziato a scrivere una singola scena del libro che purtroppo non posso spoilerare, ma poi ho deciso di mettere questi appunti in un cassetto per ripescarli in seguito a 21 anni costruendo intorno ad essi tutta la storia di Savannah e Logan con la consapevolezza di un’età più adulta.

 

  1. Quanto tempo hai trascorso a scrivere il libro?

 

Come ho detto, ho ripreso la stesura del libro in vari momenti della mia vita, partendo dai 16 anni ai 21, per la stesura completa ci ho impiegato un anno, ma per sviluppare la storia e ciò che volessi dire quasi cinque anni.

 

  1. Hai ascoltato musica mentre scrivevi?

 

Sì, e devo dire che conservo ancora con gelosia la playlist che mi accompagnava ogni giorno durante la stesura del mio romanzo. La musica è sempre stata presente ed aiuto nella mia vita, come la scrittura. Quindi mi sembrava impossibile non poter unire le due cose.

 

  1. Parliamo un po’ di Savannah, la protagonista. Chi è?

 

Savannah è una ragazza acqua e sapone come tante altre, lavora sodamente per realizzare i suoi obbiettivi ed è molto determinata su ciò che vuole. Per colpa di esperienze passate ha perso la fiducia sull’amore ed ha imparato col tempo a non cadere più nella trappola del romanticismo. E’ la mia prima protagonista, e pur essendo in procinto di scrivere e terminare un’altra storia riesco con difficoltà a staccarmi da lei e a non rivederla in tutti i miei personaggi.

 

  1. Quanto c’è di te in lei?

Attualmente non molto, solo la sua determinazione! Ma in passato la sua sfiducia nell’amore e nel romanticismo mi rappresentava molto, era proprio una me all’età di 16 anni.

 

  1. Il romanzo è ambientato a San Diego, in California. Perché?

 

Mi piaceva l’idea di ambientarlo in America, amata terra che sogno sin da bambina, ma volevo una location diversa da quella dove di solito si ambientano i romanzi d’amore, come New York ecc. Così ho scelto la soleggiata California, un posto dove il sole è sempre pronto a riscaldarti il cuore.

 

  1. Parliamo invece di Logan, cosa puoi dirci di lui?

 

Logan sembra essere all’inizio il classico bello e cattivo, ma in realtà è solo un uomo, o ancora un ragazzo, sottoposto alle pressioni di una famiglia e di un nome del quale farebbe volentieri a meno. E’ consapevole di dover crescere per il suo bene e per quello delle persone  a cui tiene, ed è stato il suo duro percorso di maturità e trasformazione la sfida più difficile per me.

 

  1. La copertina ritrae due giovani in atteggiamenti affettuosi. Penso che ritragga l’essenza del libro, vero?

 

Sì, la ritrae abbastanza bene! Soprattutto mi è piaciuta la scelta di due volti adulti, non molto infantili.

  1. Il romanzo è edito da Santelli Editore. Cosa puoi dirci di questa casa editrice?

 

La Santelli Editore è stata una delle case editrici interessate al mio libro e quando ho avuto modo di parlare con loro, non ci ho pensato due volte all’affidarmi a loro per il mio romanzo d’esordio. Sono stati pazienti e comprensivi su ogni mio dubbio e necessità.

Sono una bella realtà nata in un territorio del sud.

 

  1. Il romanzo d’esordio è sempre una bella sfida. Come la stai vivendo?

 

Dopo quasi tre mesi stento ancora  a crederci che tutto ciò sia accaduto proprio a me. Ci speravo e sognavo da tanto questo momento, che quando ho visto per la prima volta la copia cartacea tra le mie mani sono scoppiata in lacrime.

E ad oggi vederlo in libreria mi fa sempre una strana emozione che, sembra strano detto da una scrittrice, non trovo le parole per descriverla.

 

  1. E adesso, “la” domanda! Ci sono momenti divertenti che puoi raccontarci riguardo la storia o la stesura?

 

Sì! Ahahah ce ne sono davvero tanti. In primis il mio computer che non ha mai collaborato come si deve, si spegneva sempre nei momenti meno opportuni. Poi ricordo una volta, che ero in università e stavo svolgendo un’esercitazione di linguistica generale, allo scadere del tempo mi sono ritrovata sul foglio un dialogo tra Savannah e Logan, in quanto avevo iniziato a scrivere senza accorgermene e ricordami che dovevo fare tutt’altro.

Poi la questione copertina, avevo paura ad approvarla, perché nel momento in cui l’avrei fatto tutto sarebbe diventato realtà.

 

  1. Bene, è tutto! Grazie per il tuo tempo!

Ringrazio te per avermi dato l’opportunità di parlare di me e del mio libro! E’ sempre un piacere poterlo fare, soprattutto con persone come te.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...