Settimana strappalacrime/6

Immagine

“È da tanto che vieni in questo posto?”

“Sì” rispondo. “Sai, ogni mese, nella notte di luna piena, in questo lago succede una cosa particolare, ed è per questo che ti ho portato proprio qui”

“Davvero? Dimmi”

“Bene. Devi sapere che l’ho scoperto per caso, tengo a precisarlo. C’è Clara, o almeno così ho deciso di chiamarla…”

“Come mai hai deciso di chiamarla Clara?” ridacchia.

“Be'” rispondo “in ogni caso, Clara… eccola, guardala”

La indico con un dito, come fanno i bambini.

“Oh” dice. “è proprio una figura femminile che si avvicina al lago e lo guarda. Sembra assorta”

“Esatto. Guarda adesso che cosa succede”

La figura nera osserva il lago lievemente illuminato dalla luna. Entrambi osserviamo le scintille che increspano le piccole ombre generate dalla brezza. Sulla sinistra, dopo qualche istante di suspance, arriva un uomo, op al,meno ciò che sembra un uomo.

“Clara aspetta lui. Ogni mese. Ad ogni luna piena, per ballare. Guarda adesso. Siu tengono per mano e volteggiano, nel frattempo lui comincia a trasformarsi”

“Oddio! Non dirmi che…”

“Sì” sussurro flebile, come se avessi paura che adesso possano ascoltarmi. “Lui è un Lupo Mannaro. Addomesticato, oserei dire… uno che ama una donna in maniera talmente potente e pura da prevaricare la maledizione che scorre nelle sue vene, tanto da non poterla mordere, perché sa che le darebbe la morte. O forse Clara stessa è morta e noi ne vediamo solo il fantasma”

“Può darsi… oppure lui è stato trovato, nel pieno delle sue forze terribili, da questa donna, e l’ha calmato. Se n’è innamorata contro tutte le previsioni, e mandano avanti il loro amore una volta al mese, perché lui non può donarle più di così, perché lui altrimenti ucciderebbe tanti innocenti. E la luna, dolce e malefica con questi due amanti, li guarda ballare”

“Incredibile…”

I due amanti della notte ballano. Nessun occhio umano può vedere ciò che vedono loro. In quel momento, esiste solo l’amore, il sangue che scorre identico nelle loro vene, come se fossero dentro la luna piena stesso, in un globo fatto di neve, che lo scuoti e torna l’inverno. Ma per loro non è inverno, non è mai stato inverno.

E si ameranno per sempre, ogni ventotto giorni, finché la Luna dura.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...