Bruciare per chi?


Immagine

“Là, dove si bruciano i ____, si finisce col bruciare anche gli uomini”

— «Almansor», Heinrich von Heine

Il problema è come riempire il buco… nella citazione originale dice, libri, ma io sono Aven.

“Là, lo vedi? Dove si bruciano i termosifoni, si finisce col bruciare anche gli uomini. Quindi ti consiglio di non passare per quella piazzetta, uno si confonde” stava dicendo un contadinotto dall’aria sempliciotta a un viandante che comunque non gli aveva chiesto niente.

“Oh, perché è facile confondersi” disse il viandante. Il contadino non prese bene quell’osservazione. Lo abbandonò gettandogli un apostrofo addosso e scese dalla vallata, andando proprio al grande falò. Anche quella sera a una serata nevosa, per cui si gettavano i termosifoni.

“Gente! Avete forse bisogno di una mano? Di due, anche?” chiese il contadino.

“Sì, Giusberto, forza!”

E Giusberto prese a gettare corpi su corpi, che a dispetto di quel che si poteva credere furono felici di essere gettati fra le fiamme. C’era davvero troppo freddo.

Ogni tanto, toccò anche a un termosifone a essere bruciato, finché i suoi concittadini presero a guardarlo male.

“Tu stai bruciando gli uomini, e non i termosifoni” gli fecero notare. “Ne hai già gettati nel  fuoco nove, perdinci! È vero che sono statoi tutti felici di averlo fatto perché tocchiamo i meno venticinque gradi, ma…”

“Oh” disse il contadino. “Hai ragione”

Al che, entrò lui stesso dentro il fuoco, perché voleva cercare di tirare fuori coloro che aveva gettato. Scoprì che si stava alquanto bene fra le fiamme, ma delle povere vittime ormai era rimasta solo al cenere.

“Fiammelle, tocca a voi, adesso. Entrate nei termosifoni, e lasciate andare le persone” disse.

“Oh sì, perché lo dici tu allora possiamo farlo” risposero sarcastiche le fiamme. “Ciò che mangiamo, mangiamo”

“E invece dovete” disse il contadino. “Vedete, io sono un mago sufficientemente potente”

Le fiamme obbedirono dopo quindici secondi. Se fosse stato molto potente, avrebbero obbedito all’istante. Entrarono tutte nei termosifoni e lasciarono andare le persone, che tornarono intonse com’erano prima.

E nel frattempo poterono comunque scaldarsi grazie a quel miracolo.

 

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...