Fino al punto di rottura.

Immagine

“Fermo!”
 
La voce della polizia non l’avrebbe fermato. Ciò che importava, in quel momento, era correre come se non ci fosse stato un domani e dunque avrebbe corso, corso, corso ancora, corso Alberto Amedeo, corso dei Mille, Corso proveniente da Ajaccio, corso di flauto traverso.
 
Ed era lì, da solo con se stesso, che poteva anche riflettere sulla complessità della vita.
 
Aveva rubato, ne era consapevole. Chi sbagliava, era giusto che venisse punito. Gli altri, non certo lui. Lui aveva bisogno di quello.
 
Aveva bisogno, infatti, del file che aveva rubato, e la polizia non poteva capire.
 
Stava di fatto che era quello il compito dei virus, precisamente. E il file che aveva in mano scottava parecchio, al punto da trovare davanti a sé un Firewall.
 
“Sono un Firewall” annunciò di se stesso.
 
“Questo lo avevo capito” disse il Virus. “Non sai però che potrei scavalcarti tutte le volte che mi va?”
 
“Io te lo impedirò! Dopotutto è questo il compito dei Firewall! Prova a scavalcarmi, avanti!”
 
Il Virus non se lo fece ripetere due volte, anche perché la Polizia lo stava braccando, ma si scottò nel toccare anche minimamente quel muro.
 
“Maledetto! Non mi avevi detto che ti fossi fatto una lampada!”
 
Il Firewall rise. “E invece me la sono fatta! E non sai neanche un’altra cosa sul mio conto!””
 
“Quale?”
 
“Sono un Frullatore!”
 
In effetti il Firewall si trasformò e, per prima cosa, catturò il ladro e lo mise dentro di lui. Qualcuno attaccò la spina in un’ipotetica presa e il Frullatore si mise a girare, per poi servire un ottimo succo di Virus.
 
“L’avevo detto io che i Virus vanno frullati fino al punto di rottura!” esclamò. “Chi lo vuole? È bello fresco anche senza ghiaccio!”
 
“Maledetto!” esclamò un poliziotto, finalmente giunto sul posto assieme alla pattuglia che inseguiva il ladro. “Hai mixato il Virus con tutto il file e adesso dovremmo bere le informazioni che ha impunemente sottratto!”
 
Il Firewall non ci aveva minimamente pensato. Quella sera qualcuno avrebbe fatto indigestione, ma non era lo stesso che aveva attaccato la spina nella presa.
 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...