Miseria.

Immagine

“Oh, me misera!” esclamò la Zuppiera. Gli altri utensili, nel sentire quel grido di aiuto, la guardarono perplessi.

“Non capisco cos’hai da lamentarti” disse il mestolo, ad esempio. “Sei piena di cibo e tutti vorremmo essere come te. Guarda che le insalate di riso sono ottime compagne perché piene di ingredienti”

“No, ti assicuro di no” disse la Zuppiera. “Sono piena di cibo, adesso. Ma quando verrà consumato? Non rimarrà altro che qualche chicco di riso qua e là de i semini di mais!” Sento già la sporcizia addosso!”

Il Mestolo non poteva biasimarla, visto che anche lui aveva avuto la stessa situazione con il passato di pomodoro. Ricordò di quella volta che disse

“Oh, qual mestizia! Non c’è punizione peggiore che essere separato dai propri cari!” esclamò triste. Ma il Mestolo disse “Guarda che prima o poi doveva capitare, dovrò pur assaggiarti o no?”

“Non capisci! Qui si parla di miseria!” esclamò il passato, e non gli rivolse più la parola. Così il mestolo decise di aiutare la povera Zuppiera. “Senti” disse “perché non provi a chiedere a Messer Detersivo e Lady Spugnetta? Loro sapranno cosa fare”

“Davvero?”

Così la Zuppiera va da loro due, che sembravano messi lì proprio per aspettare i miserabili.

“Salve” disse per salutare. “Vorrei essere lavata. Sapete, l’insalata di riso era buonissima e…”

“Oh, abbiamo qui un miserabili! Sei Marius?” chiese Lady Spugnetta.

“No, a me pare più Cosette” riprese il Detersivo. “Comunque, sei venuta nel posto giusto? Perché non cantiamo una canzone?”

Senza che la Zuppiera potesse dire di no perché odiava i musical, i due cantarono:

Oh se ti senti sporca e hai bisogno di una lavata

e la situazione ti fa sentire disperata

Messer Detersivo e Lady Spugnetta

Ti laveranno in tutta fretta!

Lavaggio, insaponata e asciugata

Il calcare batterà in ritirata

La Zuppiera prese a cantare anche lei, poi si riscosse “Che canzone affascinante”

Adesso sapeva di un vago odore di limone.

“Che forza i musical, eh?” chiese Lady Spugnetta.

“Ma… sono allergica al limone! Etcì!”

Non poté protestare oltre, perché la coppietta di truffatori era già sparita.

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...