Libro.

Immagine

Quella che state per leggere è una sinossi. C’è stato un momento in cui ho avuto un flash, come spesso accade, mi è venuto mentre stavo chattando su Whatsapp. Ad un certo punto me ne sono uscito dicendo “Eh, ormai ho imparato a farmi scivolare addosso tutte le cose”. 

Cosa che in effetti è vera. Ad esempio l’acqua mi scivola addosso che è un piacere. Vero che poi alcune goccioline permangono, ma basta una passata di asciugamano che torno asciutto esattamente com’ero prima di entrare nella doccia. 

Ebbene, quella che state per leggere è la sinossi di un tizio che si chiama Uomo Saponetta, e vorrei che fosse il successore dell’Uomo Ape. Non sapete chi sia l’Uomo Ape? Be’, tocca aspettare. Pochi giorni.

“L’Uomo Saponetta e le cose che gli scivolano addosso”

Marcantonio, giovane, aitante e ribelle, era un soggetto che reagiva a qualunque cosa gli capitava. Il suo carattere peperino lo aveva portato a situazioni anche incresciose, ad esempio essere usato come condimento. Un’altra volta lo avevano usato come barbecue, un’altra volta ancora lo avevano salutato come “Pepe”, cosa che lo mandava ancora più in escandescenza di tutto il resto.

Un giorno però, mentre si stava lavando, gli capitò di ingoiare una saponetta. Era piccola, quindi non poteva soffocare.

Dopo un breve periodo di smarrimento, nel quale perse la bussola, le staffe e anche un po’ di saliva a causa della tosse, divenne l’Uomo Saponetta, l’uomo al quale le cose gli scivolavano addosso.

Ma non solo le situazioni, anche i materiali! Per lui fu una situazione nuova, che era sicuro di poter sfruttare al meglio. Si sentì anche più calmo e tranquillo, ma anche più determinato. Un giorno si presentarono nella soglia di casa sua le Donne Profumo, tre bellissime donzelle profumatissime provenienti dal pianeta Nova e dunque scese sulla Terra per vendere dei prodotti per l’igiene personale.

Un’avventura dopo l’altra, ricca di emozioni e colpi di scena, fino al sinottico finale, in cui Marcantonio scoprirà che, saponetta o no, Cleopatra potrebbe non arrivare…

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...