Vincitore

Immagine

In questo articolo, invece, parlerò di una donna che ha vinto alla lotteria. La lotteria in questione si svolge ogni quindici anni perché, diciamocelo, il premio in palio è talmente raro e prezioso che non può essere messo a disposizione sempre. Ecco perché è nata questa idea: fra l’altro, Argalda ha tutta una storia dietro di mai na gioia e secondi posti, quindi, in questo episodio, ha vinto. Cosa ha vinto, lo vedrete in queste poche righe. 

“Ho vinto! E cosa ho vinto?”

Argalda aveva vinto. C’era scritto così sul suo biglietto. Era un pezzo di carta verde, su cui scritto trentasette.

Trentasette verde. Trenta Serpeverde. Tressette.

Argalda si girò a destra e a sinistra. Le persone passavano e le macchine erano come al solito parcheggiate in doppia fila in una strada a doppio senso.

“Ehi, ma che bel volante che hai! Mi fai fare un giro sul servosterzo?” stava giustappunto esclamando.

La donna non aveva idee di sorta. Occorreva indagare.

“Scusi, lei” chiese al gioielliere. “Mi sa dire cosa ho vinto?”

“Vada via! Come si permette a chiedere a me che lavoro se ho vinto qualcosa! Ho vinto un altro lunedì, al massimo!”

Argalda sopportava poco le persone che la trattavano male. Chiese al palo della luce, almeno non la trattava male. E non era neanche una persona, con tutte le conseguenze che questo comporta.

“Scusi, come ho vinto?”

Il palo della luce rispose lampeggiando. Argalda non capì assolutamente nulla.

“Non capisco questo linguaggio”

“Sarebbe anche un po’ fulminata” disse un fulmine., Non avevo detto che il cielo fosse sereno.

“È l’alfabeto Morse!” esclamò esasperato il palo, innervosito a causa dell’ignoranza.

“L’alfabeto morso?” chiese Argalda.

“L’alfabeto mi ha morso!” esclamò il gioielliere di cui sopra, pieno di lettere tutte addosso a lui, attaccate sulla pelle come mollette.

Argalda si rese conto di aver vinto al massimo una virgola, o qualunque cosa che non facesse parte dell’alfabeto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...