Artificiale

Immagine

Questo potrebbe essere benissimo scambiato per un racconto sul Puntatore, invece è una cosa leggermente differente. Anche in questo caso si parla di un esperimento. In questo periodo mi va sperimentare, ad esempio l’altro giorno ho sperimentato l’acqua di mare con l’aceto. Non vi consiglio di farlo a casa. 

Come già sappiamo, Tasty la Tastiera ha un perfido accento inglese. Queste tastiere che presento, tuttavia, sono totalmente italiane. Forse un po’ spagnole. 

Ecco, una cosa che non è mai stata detta è che esistono tastiere naturali e tastiere artificiali.

La tastiera naturale è, per quanto uno ne sa, una tastiera fatta di lievito, lasciata al forno per un certo numero di minuti.

La tastiera artificiale, è, invece, una roba nera fatta di tasti che serve solo a essere battuta dagli indici.

“Ehi, Naty!” esclama improvvisamente quella artificiale. “Colme ci si sente a essere sgranocchiata? Io pensavo che fossi composta da barrette al cocco e al cioccolato, seguendo pedissequamente la scala musicale!”

“E invece no, sono fatta di pane!” esclama l’altra.- “Tu invece non sei neanche commestibile”

“Conosco un sacco di altri oggetti non commestibili” afferma Arty. “Le chiavi. Le chiavi non sono commestibili. Puah!”

Naty riflette su quanto detto. “Le chiavi sono commestibili. Chiavi di marzapane”

“Il carbone, allora? Vogliamo parlare del carbone e di quella strana sensazione di fuliggine dentro?”

“Arty” Naty reprime a stento un riso. “Esistono i carboni di caramella. Anzi, i pezzetti di carbone allo zucchero sono un must il sei gennaio”

Arty cerca allora in un vocabolario enorme qualcosa che non possa essere commestibile. “Ehi,m non aprirmi, che c’è freddo!” esclama il povero Vocabolario.

“Un libro non è commestibile!” esclama allora, colta da un’improvvisa illuminazione. Una lampadina tossisce.

“Esiste Le avventure della Pasta, scritto da un autore siciliano.” dice Naty.

“Allora… allora… i muri non sono commestibili!”

“Vallo a dire alla casa di Hansel e Gretel”

Arty si sente battuta. Non c’è niente di artificiale che non sia stato ricopiato per renderlo naturale e commestibile?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...