Quel che un asparago avrebbe detto…/9

banner_aven_blog

9- … se telefonando avesse potuto dire addio

“Ma sei pazzo? Ti rendi conto di aver commesso un grave crimine?”
Era incredibile come il peperone se la stesse prendendo per una sciocchezza simile. Giacomino, l’asparago carino, prese una sigaretta e se l’accese.
“Dai, non fare così. Cosa vuoi che possa succedere? Avrei capito se avessero preso un cannone, o un passaggio a livello, o un citofono, ma hanno preso una patata, dai. Cosa vuoi che capiti con una patata?”
Il peperone arricciò le labbra. Avrebbe voluto dire tante altre parolacce, ma si limitò a richiamare l’attenzione di tutti gli altri componendi dell’orto. “Ragazzi! Da questo momento in poi chi darà a parlare all’asparago verrà ammonito!”
“Sì, fate pure” boccheggiò l’asparago, mentre aspirava facendo fluttuare il fumo in maniera impetuosa, “Tanto finiremo tutti nello stesso risotto. Questo contadino con le manie da chef si rivela molto interessante”
Nel frattempo la patata stava guardando oltre l’oblò dell’astronave. La Terra non era più visibile da quella distanza, e a lei stava sopravvenendo la malinconia.
“Che succede, perché sei così triste?” chiese l’alieno. “Forse ti abbiamo portato lontano dai tuoi problemi, quindi dovresti essere felice di essere rapita proprio sul nostro pianeta, che è rinomato anche per l’ospitalità che garantisce ad ostaggi e forestieri. Tu non sei forestiera, perché sei nata e cresciuta in un orto, ma tant’è”
La patata sospirò. “Avrei voluto fare una telefonata. È possibile? Voglio salutare un’ultima volta gli occhi di Giacomino l’asparago cario”
“Non è possibile, siamo nello spazio” disse l’alieno “non c’è nessuna diavoleria che chiamate telefono, né internet, né altoparlanti.
La patata pensò a molte cose “Se telefonando avessi potuto dire quanto mi mancherà, l’avrei fatto, te lo posso assicurare” esordì “ma, qui, ho molte cose altrettanto interessanti da poter guardare”
Cominciò ad avvicinarsi. L’alieno ebbe sudori freddi: cosa stava facendo? Perché non la stava allontanando?
Poi, dopo, non vi riuscì più.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...