Quel che un asparago avrebbe detto…/11

banner_aven_blog

11 … se sollevassi alcune panche, non tutte

I parchi cittadini erano comodi per tutti, nessuno se ne lamentava mai e di solito lo spazio si trovava sempre.
Capitava che l’autore di questa storia se ne andava lì in mezzo alla gente e si sedeva su una delle panche di ferro, che trovava anche molto comode. Non aveva mai molliche da dare ai piccioni, però, non aveva l’età giusta.
Sospirando, vide che vi era sotto di lui una perla. Tonda, bianca, di estremo valore.
“Ha un estremo valore” disse, poi ne vide un’altra e un’altra ancora, tutte posizionate sotto una panca. Non le avevano tutte, evidentemente qualcuno si era già rifornito. Ma una… una era sua, di diritto, l’aveva vista prima lui.
Si abbassò, dunque, per prenderla, ma il suo braccio non era abbastanza lungo né allungabile per afferrarla al volo.
“Occorre alzare le panche” si disse. Aveva in tasca un asparago, di quelli che si potevano trovare in un fruttivendolo fornito. Il ragazzo conosceva dei fruttivendoli abusivi che andavano a vendere porta a porta la mercanzia occupando peraltro il parcheggio custodito e rendendo difficoltosa l’uscita delle macchine. ecco, gente come loro non aveva certo asparagi, così lui andava sempre in posti forniti e licenziati.
“Bene, adesso ti metti qui ed io sollevo, ok?”
“No”
Il tempo si fermò un istante.
“Come sarebbe, no? Devo prendere la perla, ha un elevato valore e quindi deve essere mia, così svolto nella mia vita, diventando oltremodo ricco e comprare dunque un pezzo di questa terra!”
“Si dà il caso che questa terra di cui parli, mio caro signore” esordì l’asparago mettendo anche gli occhiali da dotto “è già stata conquistata da qualche governo, quindi non so a te cosa possa servire. Inoltre, si sa che i fagioli in umido vanno cotti molto a lungo”
“Sono d’accordo, ma io a pranzo ho mangiato piselli”
“Male”
Era forse male mangiare un legume piuttosto che un altro? Nessuno lo sapeva, ma l’asparago non stava aiutando.
“Prendi pure la perla, tanto è un falso” disse un ladro, buttando la pallina per terra, deluso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...