I ricordi di Adalgisa/12

banner_aven_blog

Adalgisa stava provando il basso per registrare una nuova canzone e non sapeva nemmeno come mai era finita in quel contesto.
“Quindi… quattro corde, vero?” chiese a qualcheduno.
“Sì, ma sarebbe meglio che tu tenessi le corse fuori dal tuo corpo, invece che rivolte verso di te” disse il batterista.
“E non usare il plettro” aggiunse un altro.
“Oh. D’accordo.”
Adalgisa vide finalmente un basso elettrico nella sua vita. Toccò una delle corde e produsse un suono. Ciò le ricordava un citofono.
Quella volta era uscita per fare la postina, dunque doveva suonare per una raccomandata. Si disse che il mattino aveva l’oro in bocca, dunque prese un basso e cominciò a suonarlo.
Attese.
Attese ancora.
Un pappagallo volò nelle vicinanze.
“C’è qualcuno in casa?” chiese infine a un tizio che stava uscendo. L’altro disse “Asparago” e sene andò.
Adalgisa comprese che forse al posto del basso occorreva suonare il citofono, dunque dimenticò tutto quello che sapeva su quello strumento e si concentrò solo sui campanelli, applicandosi anche ai frigoriferi.
Per quel motivo, anni dopo, volle provare a suonare ma non vi riusciva. Toccò due corde, e suonarono.
“Devi mettere anche l’altra mano” le disse il tastierista. “Altrimenti non suona”
Forse era vero. C’era il suo braccio sinistro che penzolava inerte accanto al suo busto e non sapeva bene cosa fare. Stava giocando a scacchi con la milza, ma stava perdendo.
“Va bene, adesso lo faccio”
Incredibilmente, però, il braccio non riuscì ad alzarsi.
“Chi osa impedirmi di usare gli arti superiori?”
Si sentì una risata. “Il fantasma del pavimento, mia cara!E adesso ti legherai alla terra!”
Non accadde nulla di particolare, solo che il punto luce della sala di registrazione divenne un po’ più luminoso.
“Gianni” disse infine. Adalgisa comprese che il problema di matematica dava soluzione sette.
“Oh, fantasma della terra” recitò per tutta risposta “Adesso mi farai suonare questo complicato strumento a quattro corde, e farò un figurone con gli altri”
“No, guarda che abbiamo scelto già un’altra bassista”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...