I ricordi di Adalgisa/15

banner_aven_blog

Adalgisa una volta aveva cercato di scavarsi nel naso.
“Pulizie di primavera, eh?” le chiese Frank, un ragazzo con cui era uscita.
“Beh, direi” rispose lei, indifferente al tono ironico dell’altro. “Dopotutto, è il ventuno marzo, giorno in cui le rondini tornano sul tetto e…”
“E nel tuo naso quante rondini ti aspetti di trovare?” le fu chiesto.
“Fai pure lo spiritoso, intanto la mia rondine è andata via”
“Ma che stai dicendo? Ti si è incastrato il dito nella narice?”
“No, un momento”
Dopo accadde una cosa strana: Adalgisa entrò nel suo stesso naso e cercò per bene all’interno di quella che chiamavano narice, munita di cappello d’ordinanza e anche torcia elettrica neanche troppo carica.
“Allora, vecchio mio…”
Non c’era nessuno con lei. Se ne rese conto solo in quel momento.
“Pazienza, dovrò pur trovare il tesoro” si disse. Poi proseguì “Allora, vecchio mio, la mappa indica da queste parti, ma prima bisognerà superare una prova”
Lesse la carta dov’era indicata ogni indicazione per usare l’indice correttamente e scavare per trovare le pepite giuste, e vide che effettivamente c’era scritto solamente “Una prova”, quale che fosse, senza altri approfondimenti.
Improvvisamente comparve un tasso.
“Sono il maschio della tassa, ora concilia” disse lui, impiantando anche un musetto simpatico e degli occhioni dolci che sapeva essere ottimo per qualsiasi ragazza. Com’era inevitabile, Adalgisa prese il suo portafoglio e si mise a spargere banconote su banconote, pagando non solo una tassa immaginaria, ma tutte le bollette di tutte le persone che conosceva.
Il tasso ringraziò e scappò via.
“Prova non superata, non prenderai la pepita. Adesso sei pure povera”
La ragazza disse “Maledizione! I tassi sono così pelosi, però”
Uscì dal suo stesso naso e si disse che per una volta andava tutto bene, anche senza toccarselo. In fondo, in tasca, aveva già altre pepite, da tirare fuori al momento giusto durante l’appuntamento.
Tuttavia, il corteggiatore era scomparso. C’erano solo alcuni spiccioli, aveva pagato il caffè.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...