I ricordi di Adalgisa/16

banner_aven_blog

Adalgisa aveva provato ad arrampicarsi su un albero.
“Divertente, vero? E pensa che sono qui da prima che tu nascessi” disse l’albero.
La ragazza si soffermò un attimo a pensare all’epoca in cui lei non era stata concepita. Tutto era in bianco e nero o esistevano già gli spaventapasseri? Cos’era successo? Quali erano state le circostanze che avevano portato suo padre e sua madre a evitare di andare al cinema e invece tentare di dare alla luce una pargola come lei?
Non se l’era mai fatta raccontare, tuttavia provò con l’immaginazione a pensare a cosa sarebbe potuto succedere.
Quel giorno Albinoleffa stava cavalcando, poi cadde da cavallo. Proprio in quel momento giunse il suo maestro istruttore, che spiegò per filo e per segno perché e dove aveva sbagliato.
Lei lo seguì solo i primi cinque secondi, poi si perse nella sua immaginazione. Lo vide accudire e coltivare destrieri, diventare in equino lui stesso e mangiare solo foglie d’alloro.
Fu così che si sposarono ed ebbero lei e suo fratello, che crebbero finendo per andare molto d’accordo.
Lei, nel frattempo, si rese conto di essere ancora attaccata all’albero, il che le fece molto piacere, tuttavia quest’ultimo si irritò.
“Vorrei anche ospitare qualche uccellino, se non ti dispiace” le fece notare.
“Davvero? in che senso?”
“Nel senso che loro vengono, creano il nido e cantano tante belle canzoncine. Tu quante ne sai? Sapresti allietare una pianta verde come me?”
La domanda era bella e profonda. Ci sarebbe riuscita? Forse non era meglio diventare o assomigliare a un catamarano? Perché, poi?
“Va bene… adesso comincerò a intonare un’aria che ho imparato giusto dodici anni fa. Sai, quella volta ho preso una lezione di canto e lui, il mio maestro, si impegnò tanto a farmela imparare ma al saggio, poi, la dimenticati totalmente, giocando col sipario e dandogli fuoco”
“Ah beh” rispose la pianta. “Vuoi cantare, adesso?”
“No, non più”
E si addormentò.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...