Bicchieri

banner_aven_blog
“Vuoi davvero sapere come avviene il mio processo creativo?”
Il tavolo, che aveva sentito quella storia almeno quattro volte, sospirò rassegnato. “Ok, dimmi allora. Sono proprio curioso”
Non era vero, ma il bicchiere abboccò e cominciò a raccontare “Be’, devi sapere che io all’inizio della mia carriera ero un lampadario”
“Lampadario? Dove?”
“Non c’è nessun lampadario, torna pure a fare luce” disse il tavolo. Il bicchiere, invece, rimase perplesso, così l’altro dovette spiegare: “No, tranquillo, è che soffre di un po’ di gelosia dato che crede di essere l’unico in tutta la casa”
“Ah. Ok. Capisco. Allora, una volta ero un lavandino”
“Lavandino?”
“Sì, perché?”
Il bicchiere temé un attimo di chiederlo, ma il lavandino lo stava guardando con aria molto truce. “Come fai a dire che lo eri?”
“No, ma tranquillo eh, torna pure a fare il cosplay di un guanto”
Il lavandino, stizzito, tornò al suo posto senza parlare. Dei guanti di plastica gialli erano poggiati proprio su di lui, come se fosse un cappello oppure un vestito indossato a metà. C’era anche una forbicina, poco di stante da lui, ma non aveva idea del perché ci fosse finita. Forse era solamente ubriaca, ma il bicchiere aveva l’urgenza di proseguire col suo racconto.
“Sta di fatto che alle origini ero una mietitrebbia”
Nessuno parlò né si mosse.
“Oh, certo! È così che la pensate? Ero una mietitrebbia? E va bene! È proprio così, passavo il mio tempo a mietere il grano sul foglio giallo”
“Foglio giallo?”
“Sì cucchiaini, foglio dalla qualità gialla, così tenero che si taglia con le forbicine”
E in effetti la forbicina di cui sopra salutò. Forse, tuttavia, non aveva capito il discorso.
“Tant’è che poi, a un certo punto, arrivò la matita”
Fischiò, il bicchiere, e al galoppo arrivò l’interpellata che fece una perfetta piroetta attorno al suo orlo per fare una O chirurgica.
“Molto bene, molto bene” disse il bicchiere. “Adesso sono un bicchiere. È così che dissi, e il mio passato di mietitrebbia mi è servito a…”
“Piantare alberi?” chiese sarcastico il lampadario.
Evidentemente non gli era passata.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...