Il vero nome di Fibrizza/20

banner_aven_blog

Secondo Fibrizza c’era qualcuno che stava ostacolandola. La benzinaia sorrideva ancora, ma era un enigma tutto il suo essere.
Che cosa significava il fatto che lei stessa aveva mangiato una pizza e e sfogliato un libro che non ricordava nemmeno come si intitolava?
“Non te lo ricordi, eh? Va’ a vedere come si chiamava. O preferisci che io ti reciti l’estratto che hai letto?” disse Girolama, come se a lei importasse qualcosa o avesse effettivamente visto. poi tornò a immettere carburante su un’altra macchina. Il conducente sembrava lo stesso di prima, era comunque molto familiare.
“No, veramente io…” cominciò Fibrizza, ma Girolama recitò “La sera del quarto giorno, io e John andammo in banca. Trovammo un fungo accanto al marciapiede. Che strano, ci siamo detti, di solito crescono solo in piscina.”
“Già” Fibrizza credé di ricordare qualcosa.
“È un libro abbastanza noto. Si chiama Cronache da Marciapiede, raccontate dai pedoni stessi. Più che altro parla di funghi ed erbacce” spiegò Girolama. “L’ho letto almeno una dozzina di volte”
“Trentadue, Girolama. L’ultima volta l’hai letto il dodici luglio 2017, e terminato il venti ottobre. No, il diciannove” disse il conducente nell’auto.
“Sì, scusa” si corresse lei, poi il tizio andò via dopo neanche aver pagato. Fibrizza non poteva credere ai propri occhi.
“Questa è la vita, cara mia. Perché non hai voluto ascoltare 74-75 dei The Connells?”
“Non pensavo fosse così importante” rispose l’altra donna, che adesso doveva pensare a tornare a casa. Che autogrill era quello? Non si vedeva altro che prato, sia a destra che a sinistra. Era anche una bella giornata. Infine, una macchina arrivò tosta al suo cospetto.
“Beh? Che ci fai qui?” chiese Giancarlo.
“Piuttosto tu che ci fai qui, nel nulla?” sbraitò Fibrizza.
“Eh, lo so, ho dovuto allungare un po’ ma a quanto pare io ho il ruolo dell’autista che ti riaccompagna a casa” spiegò Giancarlo, mostrandole uno strano pass.
Fibrizza vide che era firmato non dal marito, ma i caratteri non sembravano neanche umani.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...