Le avventure urgenti del leone/15

banner_aven_blog

Giacomino non aveva altre idee, di nulla. Stava dormendo.
“Stai dormendo?” si sentì dire. Un soffio sull’orecchio, niente di eccessivo, ma quanto bastò per svegliarlo.
“Iena, lasciami in pace.” sibilò, adirato. La Iena si mise a ridere come una pazza, sia per l’immagine del leone che dormiva, sia per quello che aveva detto.
“Oh, ragazzi! Ragazzi?” si mise a urlare. “La sapete l’ultima? Sai cosa fa un leone che dorme? Dice di lasciarmi in pace!”
Rise come una pazza. Giacomino sospirò.
“C’è un problema grave” disse il leone. “Quando dormo, non esistono urgenze. Credo che anche voi siate d’accordo, vero? Quando dormite volete godervi questo momento di ristoro in santa pace, o sbaglio?”
Gli altri animali si dissero che effettivamente quando ci si riposa nessuno al momento doveva interferire, ma a un certo punto arrivò un Serval, trafelato con una comunicazione importante.
“So cosa hai appena detto, ma ormai sei sveglio” esordì senza mezzi termini, infatti li disse tutti interi. “Devi assolutamente venire, è questione di vita o di morte!”
Le questioni di vita o di morte erano, per Giacomino, cose urgentissime da risolvere, sempre supponendo che lo fossero davvero. In ogni caso, dovette chiedere che stava succedendo.
“Spiegartelo potrebbe essere troppo tardivo rispetto a quel che dobbiamo fare! Andiamo, andiamo!”
E andarono. Superarono lampioni, giraffe, fecero un giro in una rotonda e alla fine comparvero al cospetto di una lavatrice.
“Ebbene! Non riesco a lavare i capi colorati” spiegò il serval. “Siccome servono per una zebra, vuole che siano perfetti”
“E perché non li lava lei, scusami” aggiunse con tono piatto il povero felino.
“Beh, sono un… serval!”
Si udì uno stacco con la batteria.
“Ah beh” sbuffò il gatto troppo cresciuto. “Prova comunque ad attaccare la spina, magari è per quello”
“Ah certo! È arrivato il genio! Credi che non ci abbia provato? Che ci siano prese elettriche qui nella savana sperduta?”
Giacomino, con estrema pazienza, ne indicò una proprio sotto di lui.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...