100 drabble, un’estate: 91

banner_aven_blog

91 – Armi
Polvere, sangue, macerie.
Respiri profondi.
La pelle non era mai stata così nera, e il caldo appiccica i vestiti. Sa bene che le armi non lo proteggeranno per sempre senza trovare caricatori.
Altri respiri. Altro sangue, altro rumore infinito.
La gente cade, urla, strepita. Dietro la schiena, un muro. Un solo cumulo di mattoni dalla morte.
E, ad un solo cumulo di mattoni dalla morte, viene da pensare a come alla fine ti viene a prelevare.
Alza gli occhi al cielo, un aereo lancia ancora le sue bombe. Meglio fuggire.
Imbracciare le armi. Fare finta che i proiettili non fischino.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...