Il vero nome di Fibrizza/22

banner_aven_blog

“Salve, vorrei una tenaglia”
“Ecco a lei, sono solamente uno e cinquanta”
“Perfetto, grazie, arrivederci”
Fibrizza, uscendo dal negozio, tirò un sospiro di sollievo. Forse, in quella città, era rimasto qualcuno di normale disposto a vendere ciò che lei chiedeva senza aprire un sacco di parentesi inutili. Poi, il fatto che avesse comprato quell’attrezzo in una macelleria era comunque di poco conto. L’importante era avere ciò che desiderava tra le mani.
Tornò a casa, mentre suo marito risolveva un puzzle complicatissimo. Cercò di non farsi notare, anche perché non voleva rivedere lo spettacolino danzante di Giancarlo che esibiva tutte le volte che nominava la pinza con la t.
Si sedette, dunque, con tutti i punti luce attivati. Sentì le mani tremare, così come le braccia, e rivoli di sudore cominciarono a scendere senza motivo. Brutto segno. Le palpitazioni presero a galoppare, ma per fare quel che doveva era costretta in qualche modo a stare calma.
La prima domanda fu “Dove devo pizzicarmi? Sempre che questa sia la cura”
Era sicura che qualcuno la stesse ascoltando, anche perché ormai era abituata alle stranezze.
Aprì col manico la larghezza dell’attrezzo. Stese il braccio, pronto per pizzicarsi.
L’avvicinò molto lentamente, per dare il tempo a chi di dovere di sparare la propria scemenza o comunque salvarla.
Non arrivò nessuno, neanche Giancarlo, il quale comunque era del tutto ignaro di quel che stava succedendo, preso com’era dal puzzle. Non sarebbe mai arrivato con la sa immaginazione che, un giorno, la donna che aveva sposato avrebbe armeggiato in quel modo col braccio.
Infine, il pizzico arrivò. Non le arrecò molto dolore, ma il rossore sparì immediatamente e anche il sudore e lo stress provocato si dileguò in un baleno.
“Brava, Fibrizza. Hai passato il test” disse qualcuno, la cui voce proveniva dal suo lumino personale.
“Eh, c’era da aspettarselo! Adesso potete restituire il mio nome?”
“No”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...