Zanzare

Era notte. Tutto sembrava tranquillo, era comunque estate, piena estate, dunque era chiaro che ci si poteva imbattere in tre creature strane. Come si sa, si muovevano anche quel giorno in branco, in modo da affrontare insieme gioie e dolori del loro lavoro.
Tre zanzare, circospette, avevano adocchiato una pelle ancora da testare. Sembrava intonsa, nessuno ci aveva mai poggiato le zampe. O meglio, nessuna. Solo le zanzare femmine succhiano il sangue, e, coincidenza, solo le zanzare femmine circolavano in quel periodo da balcone a balcone.
“Chissà che sapore avrà” stava dicendo una di loro, riflettendo proprio sull’umano che avevano adocchiato. Accanto a quello, c’era un dolce.
“E che sapore deve avere, di sangue o no?” Sbraitò l’altra. “Piuttosto, coprimi le spalle!”
Le due zanzare presero un plaid e lo misero addosso al capo.
“Ma cosa fate!”
“Eh non trovavamo le spalle!”
La zanzara si chiese chi ce le aveva mandate. Ormai erano giunte, comunque, verso la pelle.
Per poter prelevare il sangue, occorreva il codice segreto.
“Chi lo conosce?”
Le altre due si guardarono perplesse.
“Non abbiamo nessun oggetto, bambola o peluche da cercare. Di solito si trovano là i codici”
“Bah, vabbè, mi toccherà studiare i davanzali”
I davanzali erano a righe, ma le zanzare non potevano prelevare il sangue da lì, ma neanche da qui, neanche da Ali Babà.
“Allora? Questo sangue?”
“Ma no! Era succo di amarena!”
“COSA?”
La voce dell’umano che avrebbe dovuto essere mangiucchiato dalle zanzare squarciò l’altrimenti silenziosa vieta.
“Eh, ti vediamo più come una torta all’amarena, ci dispiace” dissero le zanzare.
In effetti c’era una torta gelato a quel gusto. Ma era notte ed era facile confondersi.
L’umano poté fare un sospiro di sollievo. Ma quanto sarebbe durata?
“Certo che è strano, esserci confuse con quella torta gelato. Il sangue si nasconde dietro molteplici forme?” chiese una zanzara.
“No, abbiamo sbagliato e basta” chiuse l’argomento quella che sembrava il capo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...