Pianto

Il pianto

Arrivò. Intenso. Arrivò intenso.
La lacrima, la prima lacrima, scese lenta dalla guancia.
“No, ehi, ci sono io”
Una voce entrò nel suo campo uditivo. “Chi ha parlato?” chiese.
“Forse non mi sono presentata. O non a te, perlomeno. Sono la bocca. La bocca parla, se non vado errato”
“Cos’è, un quiz? Parla, cinque lettere” osservò la lacrima, che voleva solamente scendere in solitaria.
“No, più che altro lo definirei… pedaggio” rispose l’altra. “Ogni volta che qualcuno passa da me paga pegno. Per poter finire il tuo sentiero, infatti, molto probabilmente arriverai qui e dovrai usare un telepass”
“Non ne ho mai sentito parlare. Sono esperta di delusione, tristezza, rabbia, compassione… ma telepass? Che cosa sarebbe?”
“A scuola non ti hanno insegnato che esiste un dazio per il Lazio?”
“No davvero, e poi qui siamo in Croazia”
“Certo, certo”
La bocca rifletté intensamente, e, anche se i denti desideravano solamente tirare fuori la lingua che c’era dentro di loro, attesero pazienti la sentenza che di lì a poco sarebbe venuta fuori.
“Bene, sono giunta a una conclusione. Vuoi sentirla?”
Momento di silenzio.
“Lacrima?”
Niente.
“Un momento, provo a chiamarla dal cellulare”
In pochi sapevano che componendo con la lingua un’esatta sequenza di denti si poteva comporre un numero di telefonino ben preciso. Ma, in quel caso, non rispose nessuno.
“lacrima? Ma dove sei finita? Ero giunta a auna conclusione! È maleducazione finire all’improvviso dentro un fazzoletto, e dai!”
Prese un megafono, prese anche un volantino e lo appese sotto le narici, ma non funzionò nulla.
“Pazienza, vorrà dire che narrerò la conclusione a qualcuno che vuole sentirla davvero. Vero, guancia?”
“Oh no, ti prego, non voglio sentire più parlare di conclusioni perché sono venuta fuori da una storia difficile con l’altra guancia”
“Eh, ma come siete sensibili! Allora, tutto si risolve col bolo, col chimo e col chilo! E vissero tutti per sempre felici e…”
Si interruppe giusto in tempo, perché non voleva certo pensare a ciò che veniva eliminato dallo sciacquone!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...