Ricetta: Minestra alla finestra.

Immagine

“Se non ti mangi la minestra ti butti dalla finestra”
È così che cantilenavano le nostre mamme, quando cu vedevano giocare con quel piatto disgustoso e orribile. Ma perché erano così drastiche? Perché invitare al suicidio il proprio figlio, solo perché legittimamente non gli piace il minestrone? Proviamo a capirlo insieme e soprattutto se questi due mondi possono andare bene in un piatto.
INGREDIENTI
Una minestra
Una finestra
PREPARAZIONE
Innanzitutto come abbiamo sempre fatto mettiamo l’acqua a bollire. Possiamo utilizzare una pignata, una pentola o anche un tegame. Purché l’acqua bolla, va benissimo tutto quando.
Secondo punto, usciamo dalla finestra e cerchiamo di sradicarla. Prima di farlo, però, assicuriamoci che la casa sia nostra e che nessun calcinaccio cada al piano di sotto, ché poi sono guai con il condominio.
Una volta compiuto questo insano gesto, assicurandoci anche di non essere noi stessi sulla finestra, cercheremo di infilarla, per intero, dentro la pentola.
“Non esiste un contenitore così grande”
Ma come? Luis Falsone ce l’ha fatta!
“Eh, sorpreso eh? E dire che non mi ero neanche allenato!”
Andiamo a vedere la sua impresa. La pentola è incredibilmente piena, ma effettivamente bolle e ci è entrata tutta comodamente, la finestra.
Allora non dobbiamo fare altro che aspettare che cuocia e che possiamo dunque mangiarla! Che tempi di cottura ha una finestra, dal sapore di mattoni e calcinacci?
“Eh, qualche minuto”
Luis Falsone ci sta sicuramente dicendo la verità. Adesso prende un mestolo, e mette la porzione che ci tocca dentro un piatto. Devo dire che fa un buon profumino di vernice, che sovrasta il brutto sapore caldo e molliccio del dado e delle verdure.
Prendiamo dunque un cucchiaio.
Che schifo! Sa di ruggine! Potevi almeno pulire la ringhiera prima di metterla come condimento!
“Vede che non sa niente, chef? Proprio la ruggine dà quel tocco asprigno in più, come farebbe il limone, anche meglio”
Bah, meglio che mi butti dalla finestra.
“Non c’è”
AAARGH!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...