Ricetta: Zafferano al risotto.

Immagine

Il risotto è forse uno dei piatti più versatili che esistono su questo triste mondo. Certo, esistono le uova. E, certo, esistono anche quelli a cui piace il vino e quant’altro. Ma un piatto in particolare vale la pena essere trattato qui, in queste pagine. Lo zafferano al risotto.
Per poterci saziare tutti, dobbiamo scegliere quanto zafferano. Innanzitutto, parto col dire che stiamo parlando di una spezia, quindi una roba polverosa e rossiccia che ricorda molto il campo da tennis quello specifico, sia nell’aspetto sia nel sapore.
“Ma che schifo ma che ti mangi per non parlare della sporcizia e del sudore aaaa”
Avrei gradito un po’ di punteggiatura. Ma con chi mi interfaccio, direte voi. Torno a parlare col pubblico di pubblico.
Innanzitutto parto col dire che il pubblico si divide sempre nelle stesse tre fasce: gli aficionados, che farebbero di tutto per avere la transenna e che seguirebbero il loro idolo fino al braciere di Giucas Casella. Poi ci sono quelli che sì, piace ma sono comunque pronti ad andare via e li puoi vedere perché si mettono nelle ali di una platea. Infine ci sono quelli che vogliono solo fare casino ed, esattamente come nei pullman, si mettono dietro per commentare qualsivoglia cosa io stia dicendo. Potrei anche riempirli di complimenti, loro non si smuoverebbero dalla loro opinione che Maradona è meglio di Pelè, anche se stiamo parlando di epoche diverse, ed anche ruoli, diciamolo.
Ma stavamo parlando del risotto. Dunque, è molto semplice. Dobbiamo cuocerlo. Il riso crudo non lo mangia nessuno e, anche se è vero che abbonda nella bocca degli sciocchi, persino questi ultimi lo mangiano cotto. Per cui ci mettiamo di buona lena e mettiamo a cuocerlo come volete voi. Anche al vapore, se vi piace il genere. Sappiate che mentre sto scrivendo il mio tavolo traballa che è un piacere.
Il risotto è dunque pronto! Mettiamoci lo zafferano!
“Ma doveva essere al contrario!”
Eh, i tizi dell’ultima fila mi hanno distratto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...