Il primo pesce d’aprile a un pesce.

Nuovo racconto scritto a quattro mani assieme ad Ilenia! Come al solito, il giochino è sempre aperto: chi ha scritto cosa? Stavolta ci siamo impegnati nell'avere un pesce d'aprile molto... particolare!   Il plaid non era mai stato così utilizzato. Caldo, quadrato, pratico, ricordava un kilt scozzese. “Il mio sogno è quello di diventare un … Continua a leggere Il primo pesce d’aprile a un pesce.

Primo Aprile.

  Mi sveglio, anche se ho un brutto presentimento. Sarà una di quelle giornate un po' difficili in cui tutto può capitare. Ad esempio, potrei alzarmi col piede sbagliato. Ma è a lei che penso. Chissà a che ora si alza? Il caffè oggi è troppo amaro. Sarà che piove. Devo avviarmi all’auto, o farò … Continua a leggere Primo Aprile.

L’importanza di non sognare imbuti

Benvenuti nella rubrica "Racconti a quattro mani!": Ilenia si è prestata a scrivere con me quanto segue. Commentate! Chi ha scritto cosa? Un giochino che sta appassionando l'internet 😀   “Il sentiero era stretto, ma le ruote di un carro stavano passando lo stesso. Era trainato da un asino, che però aveva un sogno: tostare … Continua a leggere L’importanza di non sognare imbuti

La leggenda dei tre compagni e del figlio della luna/5

Mond girò annoiato lo stufato che la figlia dell’oste gli aveva dato con un sorriso lasciato davanti. C’era del brodo vegetale, dei broccoli, qualcosa che sembravano patate e altre verdure. Il tutto accanto a del pane. “Mi fa schifo il minestrone” disse. “Anche col pane, non è che cambi” Era circondato da soldati, ma Gerald … Continua a leggere La leggenda dei tre compagni e del figlio della luna/5

Fare vento

Sapete, essere una forchetta oggigiorno non è poi così esaltante come ci si aspetta. Sì, ok, ogni tanto infilzi i tuoi denti in una calda bistecca sugosa, ma poi la cosa finisce lì. Io, il cucchiaio e il coltello facciamo parte dell’argenteria di questa trattoria, e non succede mai niente. Nessun ragazzino che mi mette … Continua a leggere Fare vento

Farina.

"Scusa, mi passi il sale?" “Quale sale? “Quello davanti a te.” “Davanti a me non c’è nessun sale che sale. Chi sale?” “Non scende” “È proprio quello che dicevo, no? Il sale non può salire se prima non scende” “Scende la pioggia” “Ma che dici? Il sale, no?” “No, la pioggia non è salata” “Allora … Continua a leggere Farina.

Zucchero, non il cantante.

Fare torte non era certo semplice, ma Guastalda non lo sapeva e le faceva lo stesso.   "Latte, zucchero, farina, lievito e... mi passi lo zucchero?"   “Lo zucchero? Ma stai scherzando?” Guastalda si gira a destra e a sinistra. Chi le aveva risposto? “Be’, no” risponde lei. “Per fare la torta ci vuole lo … Continua a leggere Zucchero, non il cantante.

La pentola, il saggio e la lavatrice.

Secondo racconto scritto assieme ad Ilenia, ragazza del Newbookclub che si è prestata a scrivere con me questo... intreccio (?) pieno di climax, muschiato ovviamente, ma di sicuro fortemente d'impatto e pieno di astrattismo. Buona lettura.  Era una pentola bellissima. Aveva raggiunto mille like su Facebook e la sua immagine risplendeva non solo su quel … Continua a leggere La pentola, il saggio e la lavatrice.