Termometro

Fuori da quella casa, il vento spazzava via ogni cosa. Nevicava, anche, e il cielo era assai grigio.Giangiacomo voltò lo sguardo al termometro appeso al muro. Segnava meno sette gradi. Gli parve rotto."No, un momento, Teodolinda" disse a sua moglie. "Come possono esistere numeri negativi?"Teodolinda, appena tornata da lavoro, represse un brivido di freddo, poi … Continua a leggere Termometro

Specchio

"Auguri!"Il compleanno di Rotaria cadeva il sette gennaio di ogni anno."Un po' come natale, quando arriva in ritardo!" commenta la candelina, che ormai spenta può anche parlare.Il punto è che Rotaria aveva passato tutto il pomeriggio a specchiarsi. E io lo so, perché sono il suo specchio."Non ti ha detto quella frase che si dice?"Quale … Continua a leggere Specchio

Calice.

Calice"E adesso brindiamo!"Quest'anno Natale è caduto di venerdì, per cui sono già tre giorni che vediamo sempre la stessa scena, a pranzo e a cena.Natale, Santo Stefano, Domenica 27. Insomma, sappiamo bene che gli umani di questa casa stanno diventando mongolfiere, però brindano."Di che ti lamenti? Anche tu sei leggermente brillo?" chiede il tavolo imbandito … Continua a leggere Calice.

Il compito.

Sono ormai le dieci.Giampiero suda. Uno scatto dopo l'altro, la penna blu non ne può più. Vorrebbe anche scrivere, ma se il suo padrone non riesce allora a lei non rimane altro che il supplizio del ticchettio.Il piede destro striscia. Si guarda attorno, speranzoso. Poi la professoressa Tirone tossicchia e lui torna con la testa … Continua a leggere Il compito.

Parafango.

"Certo, la strada è molto lunga"C'era sempre un motivo di lamentarsi delle strade, il parafango aveva ragione. Un giorno era dissestata, un altro giorno era piena di curve, l'altra volta aveva un sacco di pozzanghera. Adesso era lunga."Cosa possiamo fare per passare il tempo?""Proprio tu me lo chiedi, faretto?"Era stupito, lui. Eppure mi sembrava una … Continua a leggere Parafango.

Quando Alyssa viene corteggiata

Sospiro. “Certo che il mondo del mare non è questo granché, vero Jake? Peraltro, nemmeno il mondo degli uomini. Succedono sempre le stesse cose, vero?” chiedo a Jake, un tritone che come me si sta prendendo una pausa dalle lunghe nuotate subacquee. Ovvio che siamo in costume entrambi, e il posto in cui siamo è … Continua a leggere Quando Alyssa viene corteggiata

Thomas. (tra le betulle)

A dire la verità, fra le betulle sto bene. Ho sempre amato questo posto. È un bosco tranquillo, non molto frequentato e nemmeno troppo lontano dalla città. Ogni volta che posso, vengo qui a riflettere, a pensare, a ricaricare le batterie. Mentre passo sopra le foglie cadute e ne sento lo scricchiolio, penso agli ultimi … Continua a leggere Thomas. (tra le betulle)

I giorni del barman

"Scusi"I giorni della merla erano davvero inquietanti. Soffiava il vento, neanche fosse il suo compleanno.Stava di fatto che Joe, il barman nero e robusto che stava pulendo il bicchiere di turno, osservò il pennuto balzellare qua e là sul suo adorato banco."Hai bisogno di bere?" domandò."Domani" rispose la merla. Poi, arrivò il silenzio. Joe osservò … Continua a leggere I giorni del barman

Una vecchia chiave.

"Così, lei una volta apriva una porta?"La domanda della presentatrice era più che mai pertinente. I riflettori erano tutti puntati sulla vecchia chiave, la quale si sistemò sulla poltrona di pelle e annuì, per quanto potesse annuire una chiave."Sì" rispose flebile. "Una volta la aprivo. Era, lo ricordo molto bene, una porta che conduceva a … Continua a leggere Una vecchia chiave.

Nastro.

"Questo posto sta diventando troppo piccolo per tutti e due"Le parole della cassetta non erano affatto casuali. Era vero, il posto stava diventando piccolo per tutti e due."Uff" sbuffò il nastro. "Devo proprio chiamare la matita?""Chiama chi vuoi ma fa' in fretta"Il nastro fu dunque costretto a disturbare la matita."Scusa?""Non ora Alfredo, sto disegnando quasta … Continua a leggere Nastro.

Tazza con le renne

"Non ti gira la testa?""No, non mi gira la testa. Perché me lo domandi?"In effetti la renna ebbe appena posto una domanda strana. Io, tazza, dovrei soffrire di vertigini?"Davvero, guarda cosa succede"Calò un silenzio agitato."Cosa dovrei vedere?""Rudolph! Mi avevi detto che avrebbero fatto colazione!" esclamò una renna. Quella chiamata Rudolph rimase in silenzio, ma io … Continua a leggere Tazza con le renne

Bullet Journal

A volte mi aprivo a caso, in quei brevi giorni d'inverno."Oggi trenta dicembre c'è stata una forte burrasca", è tutto quello che seppi dire."Bullet Journal, dunque" esordì Pippo, che era un tavolo, che era fatto dal legno. "Ti darò un altro motivo per aprirti ogni giorno"Feci una pausa. "Cosa intendi?""Non scrivere più Tende dentro i … Continua a leggere Bullet Journal

Di sofficini a Trappeto.

"Chi ha tempo non aspetti tempo"Avere tempo, per l'orologio, era una cosa abbastanza comune. Si diceva la parola "abbastanza" solo perché non c'erano aggettivi simili, o comunque, il soffitto non li conosceva."Conosci solo una parola, soffy?"Ebbene, l'orologio l'aveva fatto. Il soffitto prese a tremare, svegliando il lampadario a otto braccia e spingendolo alla protesta."Ehi! Mi … Continua a leggere Di sofficini a Trappeto.

Il compito.

Sono ormai le dieci.Giampiero suda. Uno scatto dopo l'altro, la penna blu non ne può più. Vorrebbe anche scrivere, ma se il suo padrone non riesce allora a lei non rimane altro che il supplizio del ticchettio.Il piede destro striscia. Si guarda attorno, speranzoso. Poi la professoressa Tirone tossicchia e lui torna con la testa … Continua a leggere Il compito.

Calamaio.

"No, senti" sbotta la piuma. "Tu adesso trovi il fondo di te stessa e mi aiuterai a finire questa lettera! Capito?"Il calamaio si guarda attorno, lui che è fatto circolare. "Ma ho finito! Non c'è più inchiostro da intingere!""Allora va' e riempiti!" Sibila tra i denti la piuma. Qualora ne avesse. "Vuoi o non vuoi … Continua a leggere Calamaio.

Parafango

"Certo, la strada è molto lunga"C'era sempre un motivo di lamentarsi delle strade, il parafango aveva ragione. Un giorno era dissestata, un altro giorno era piena di curve, l'altra volta aveva un sacco di pozzanghera. Adesso era lunga."Cosa possiamo fare per passare il tempo?""Proprio tu me lo chiedi, faretto?"Era stupito, lui. Eppure mi sembrava una … Continua a leggere Parafango

Non è il perfido Lord Banana.

C'era una volta una banana che voleva durare il tempo di un tramonto. O essere un tramonto, ora non ricordo.Lo stava guardando. Stava bevendo Bahama Mama, per intenderci."Sarebbe bello durare il tempo di un tramonto, non è vero…?"Non poté chiederlo a nessuno perché si ricordò di essere solo. Lui, la sedia sdraio a forma di … Continua a leggere Non è il perfido Lord Banana.

Origami

L'origami del cigno era diventato di una spocchia evidente. Ormai tutti lo odiavano, ma dovevano fare finta di amarlo altrimenti si sarebbe offeso.Accadde dunque che costui andò nell'Origami città, perché doveva fare una commissione per l'Origami stagno.Entrò impettito dal fabbro, e gli ordinò "Un origami ponte, grazie"Quello lo squadrò e rispose, con più freddezza del … Continua a leggere Origami

Tazza di tè.

"Sì, tutto molto bello. Le cinque di pomeriggio, la merenda… solo una cosa non capisco"C'era una volta una tazza. Una tazza che aveva sempre voglia di lamentarsi. Lamentele, e lagne, senza essere lasagne.Lasagne al forno. Non alle diciassette, ma soprattutto non sette ore prima di mezzanotte, immagino."Cos'è che non capisci?" chiese il pomeriggio."Perché la busta … Continua a leggere Tazza di tè.

Lo spray nasale.

Lo spray nasale."Davvero, eh"Lo scorbutico Cestino non faceva altro che mangiare e lasciare briciole di pixel. Se qualcuno glielo chiedeva, rispondeva "Tanto comunque file erano, file torneranno". Nessuno capì cosa intendesse dire, finché un giorno un file corrotto non entrò dentro di lui."No, tu non verrai eliminato" annunciò. Quello inspirò profondamente e rispose "Ma era … Continua a leggere Lo spray nasale.

Di pere e compleanni.

Di pere e compleanni.Madame Pera scese da quella scalinata con il suo abito migliore. Squadrò tutti i convenuti altera, giudicandoli uno alla volta.Il kiwi, la mela, il pompelmo, la papaya. Il perfido Lord Banana, con il suo calice in mano."È così piena di sé" borbottò la ciliegia alla fragola. Quella non rispose perché incantata nel … Continua a leggere Di pere e compleanni.

Una notte con Casanova.

Una notte con Casanova."Forse ci rivedremo la prossima notte"Sparì la gondola, trascinando con sé l'uomo. Clara rimase ancora un poco affacciata sul terrazzo, col cuore che ancora esplodeva nel petto.La luna le era testimone. Mai, in sua memoria, aveva mai udito tali gesta, tale fascino.L'imbarcazione si allontanava, ma lei aveva ancora su di sé il … Continua a leggere Una notte con Casanova.

Pensione.

PENSIONE Pioveva.Roborfio e Gianni si ritrovarono spiazzati e senza ombrello."Siamo spiazzati e senza ombrello!" esclamò il primo. "Che cosa possiamo fare?""E io che ne so!"Si guardarono e nel frattempo il cielo continuava a far scorrere acqua su acqua."Guarda! Lì c'è una pensione!" Roborfio indicò un edificio, che sembrava uno qualsiasi.All'entrata trovarono una grande sala con … Continua a leggere Pensione.

Il mio compagno di banco

Il mio compagno di banco. Camminava e tutti lo osservavano invidiosi. Sembrava non avesse difetti, alto, freddo, distaccato.Nessuno l'avrebbe mai punito, lo sapevano tutti.Si sedette dondolandosi sulla sedia. Poggiò i piedi sul banco.Il professore di chimica, impaurito, fece la sua lezione, ma non staccava mai gli occhi da lui. Faceva esplodere provette su provette e … Continua a leggere Il mio compagno di banco

Chiesa

Il rumore dei suoi passi echeggia lungo la navata.Sognava da tanto tempo di entrare a Notre Dame. Bella e ferita, ormai, dopo il devastante incendio che l'ha colpita. Dopo i lunghi mesi della pandemia. E, ancora, silenzio.Passa una mano sulle panche. Il legno fresco fa un buon odore. In alto, i rosoni donano mille colori … Continua a leggere Chiesa

Caloriferi.

Era una notte buia e tempestosa.Stavo semplicemente camminando, il che poteva essere molto complicato se si era una graffetta."Non dire stupidaggini" ribatté l'ombrello. "Sei appena uscita di casa, e non lamentarti""Mi avevano detto che le arancine sorgevano sin dal monte Marco""Macco, non Marco"Mi impaurii. "E com'è che conosci la geografia?""Me lo ha riferito il salumiere … Continua a leggere Caloriferi.

Arancine is the mother of invention

Immagina, grosso modo e senza perderti troppo nel dettaglio, un'invenzione che potrebbe aiutare le arancine a essere più buone. Descrivi come la tua invenzione funziona e aiuterà a salvare il pianeta. Il 13 dicembre è l'Arancina Day. Voi quante ne mangerete? Io quest'anno punto a dieci pieno. Ce la farò, se no avremo un bel … Continua a leggere Arancine is the mother of invention

Chi ha dimenticato le chiavi?

  Auguri! Se la paura bussa alla porta è perché ha un motivo: ha dimenticato le chiavi di casa, ad esempio. La casa della paura al numero civico numero novanta. È del Novanta, la paura. Non che questo abbia importanza, ma se dicessi che è nata il trentun ottobre del 90, allora la cosa diventa … Continua a leggere Chi ha dimenticato le chiavi?

Ricetta: arancine con tutto.

LE ARANCINE SONO FEMMINE Detto questo, possiamo iniziare col nostro trattato. Sappiamo tutti come si preparano le arancine, non starò certo a ripetere come si fanno. Stavolta, però ne prepareremo una e una sola, quella definitiva. Ebbene, sì. Prepareremo l'Arancina con TUTTO dentro. Non è un'impresa impossibile. Io ce la farò. Tu, leggendomi, ce la … Continua a leggere Ricetta: arancine con tutto.

Ricetta: le arancine.

Ecco una carrellata di Arancine. Ci sono SOLO  Arancine in questa slideshow. Oggi ho fame. E cosa fa un palermitano quando ha fame? Ha svariate scelte, tante quante sono le stelle nel cielo. Tuttavia, oggi ci concentriamo sulle arancine, ché lo so che sono un po' fuori stagione (il 13 dicembre è la giornata nazionale) … Continua a leggere Ricetta: le arancine.