La Ropa Sucia/314

Edmundo, l’ex intelligente fidanzato di Analisa, adesso era single e cercava una ragazza. Dal canto suo e peraltro non ascoltato stava parlando a Catalina, in pieno bar e in pieno giorno della sua lavatrice e dell’impatto che poteva avere sulle vicende di Villa Nueva, ma nel frattempo mise dentro la parola matrimonio. La figlia dei … Continua a leggere La Ropa Sucia/314

La Ropa Sucia/313

“La sagra dell’asado è un evento molto particolare” rispose Roberto Mendosa, l’aitante runner, chiedendosi cosa l’altra, Rosa la chica formosa, avesse capito. “Molto particolare” Rosa era un po’ delusa, in effetti. Roberto era veramente aitante e lei era formosa, quindi il sempolice fatto che non ci fosse mai stato niente fra loro era strano. Improvvisamente, … Continua a leggere La Ropa Sucia/313

La Ropa Sucia/312

Rosa, la chica formosa, era sempre stata molto apprensiva e quella sera stava aspettando il marito nel nuovo monolocale che avevano trovato a Villa Nueva. Dov’era finito, in quella notte serena? Era davvero andato a vedere il supermercato degli Islas? Aveva senso, dato che loro non avevano ancoira avuto modo di andarci. Ma anche in … Continua a leggere La Ropa Sucia/312

La Ropa Sucia/311

    El loco era infastidito dal fatto che Roberto Mendosa, l’aitante runner, gironzolasse attorno ala sua città. Ma non importava, lui sapeva che se Roberto mettesse piede a Villa Nueva, la polizia lo arresterebbe subito, perché era ricercato per l’omicidio di Gonzalo Sanchez, un delitto che ancora reclamava vendetta. Era peraltro una personalità molto … Continua a leggere La Ropa Sucia/311

La Ropa Sucia/310

        “Sì, infatti il Questore era alto un metro e novantacinque” rispose il Commissario, ricordandosi come e dove fu nominato Commissario, anche se di un piccolo paesino. Ambrogio stava per dire qualcosa su quel Questore ma lasciò perdere, concentrandosi sul presente. “È fantastico poter dire,  secondo te, che il fatto che il … Continua a leggere La Ropa Sucia/310

La Ropa Sucia/309

“Non lo so, prima non c’era!” Carlos Espimas, nervoso, aveva chiamato la polizia. Stava di fatto che nel muro del suo salotto c’era una lavatrice stilizzata, disegnata anche male, enorme, con inchiostro nero. Il Commissario non aveva mai visto niente del genere, e i ragazzi la stavano anche fotografando come se ci si potesse ricavare … Continua a leggere La Ropa Sucia/309

La Ropa Sucia/308

Rosa, la chica formosa, aveva sposato in Germania Ovest il suo tenero amante, chiamato el loco, ma che in realtà si chiamava Paulo Ramiro de la Rosa Gutierrez, il primogenito di quella casata, che vedeva in el pipa il capostipite. Rosa aveva anche un cognato, chiamato el tiburòn, e stava di fatto che, come un … Continua a leggere La Ropa Sucia/308

La Ropa Sucia/307

Finalmente, el loco e la sua consorte Rosa, la chica formosa, erano tornati a Villa Nueva. La città veniva annunciata dalle grandiose ville che la circondavano, perché se qualcuno la visitava dall’alto, era come se formasse un grande cerchio, ma nessuno se n’era mai accorto. Tantomeno uno che si faceva chiamare loco. “Siamo tornati. Chissà … Continua a leggere La Ropa Sucia/307

La Ropa Sucia/306

“Sì” rispose Marìa, “ho ingannato Pedro e Gonzalo con un incantesimo. Tuttavia non vi dirò che cosa ho usato, il mondo non è ancora pronto per questo” Marìa, la procace giardiniera, era vestita con paramenti coloratissimi e stava di fronte a una folta folla di streghe, mentre i Fernandez e le relative compagne la stavano … Continua a leggere La Ropa Sucia/306

La Ropa Sucia/305

Edmundo non sapeva che le cose stavano precipitando così tanto, ad esempio non aveva idea che frequentare Catalina Salcido avrebbe significato frequentare i vari salotti di moda, anche perché Catalina non aveva mai smesso di fare la modella, nonostante Guillermo fosse sparito nel nulla da due mesi facendo perdere le sue tracce, diventando così l’agente … Continua a leggere La Ropa Sucia/305

La Ropa Sucia/304

Joshua prese quelle parole per oro colato e allontananmdaosi da lui cercò una doccia. La prima cosa che fece fu entrare nella casetta dove le streghe stavano intonando un canto acapella, anche perché non c’erano strumenti fra quelle mura. Ramòn aveva dimenticato di dire che dentro quelal casa non c’era l’acqua corrente, ma anche così … Continua a leggere La Ropa Sucia/304

La Ropa Sucia/303

Ramon Fernandez si voltò a destra e sa sinistra, nella solitudine buia del bosco che circondava la catapecchia dove viveva col fratello, la fidanzata e la cognata. Si era sentito chiamato da una voce. Non c’era nessuno, solo il fruscio degli alberi e la piacevole brezza di una serata invernale in Argentina. Ramòn tornò così … Continua a leggere La Ropa Sucia/303

La Ropa Sucia/302

José Riquelme non era mai stato un ragazzo dalle iniziative personali, e si confermò tale anche quel giorno di giugno, a Villa Riquelme, al cospetto di Sofia sua madre ed Elisa Riquelme, che ancora millantava di essere sua sorella, anche se non tutti ci credevano. Ma lui doveva dire una cosa importante. “Madre, sorellastra… ho … Continua a leggere La Ropa Sucia/302

La Ropa Sucia/301

Fra tutte le cose che potevano capitare ai coniugi Riquelme, José e Adele, la permanenza di Alfredo, altrimenti noto come Alvaro, era l’ultima cosa che sarebbe potuta e dovuta succedere. In effetti, José e Alfredo non si erano battuti in duello, anche per rispetto del bamnbino che stava aspettando Adele. Tuttavia, quest’ultima non aveva avuto … Continua a leggere La Ropa Sucia/301

La Ropa Sucia/300

Così la signora Espimas, volendo non disturbare suo marito che metteva in riga quei perdigiorno, andò dai Gutierrez, che in quel momento erano composti solo dal tiburòn e sua madre, Pepa, colei che era ricercata per essere evasa ama che per qualche motivo la polziia non riusciva ad acciuffare. Martina sapeva che le volanti del … Continua a leggere La Ropa Sucia/300

La Ropa Sucia/299

A casa Espimas, mancavano ormai tutti i figli. Rosa, la chica formosa, in realtà faceva di cognome Sanchez e stava tornando dal viaggio di nozze. Poi c’era Miguel, che aveva sposato Clara Gonzalez e adesso aspettava il figlio di Fernando, il primogenito, il quale a sua volta era andato ad abitare al castello di Raquel … Continua a leggere La Ropa Sucia/299

La Ropa Sucia/298

  Analisa e Jùan avevano un bicchiere ciscuno, e decisero di ascoltare, mettendo quindi il bicchiere dove andava messo per origliare. “Ciao, Adele” disse Alfredo, guardando la sua ex e il marito seduti a guardare la televisione mano nella mano. Adele si voltò verso sinistra e sgranò gli occhi. “Non… non è possibile. Tu non … Continua a leggere La Ropa Sucia/298

La Ropa Sucia/296

  Analisa Islas si ritrovava nel bel mezzo di una discussione con l’enigmatico Alfredo, pronta per una nuova avventura. Non aveva mai rinunciato a quella passione, anche se era da un po’ che non ne viveva una, da quando aveva risolto il caso dello spettro degli Espimas con suo fratello. Da allora suo fratello Jùan … Continua a leggere La Ropa Sucia/296

La Ropa Sucia/295

Ana Lucia era sicura di aver fatto centro con Pedro. Finalmente aveva capito tutto quanto anche lui, così era giunto il momento di comunciarlo anche a Violetta Sanchez, la quale aveva generato quei due mostri senza scrupoli che erano riusciti anche a ingabbiare una delle figlie dei Cascada e che rispondevano al nome di Fernandez. … Continua a leggere La Ropa Sucia/295

La Ropa Sucia/294

“E adesso andiamo,  oggi è il giorno in cui le streghe si riuniscono” disse Ramòn, prendendo uno zainetto. “Non capisco come mai abbiamo deciso di dare questo posto in affitto proprio a loro” disse Rebecca Jones “ e soprattutto, perché non mi fate infiltrare” “Strategia di marketing, Rebecca” rispose Joaquina. “Oggi c’è il primo mese. … Continua a leggere La Ropa Sucia/294

La Ropa Sucia/293

Scese la sera nel boschetto adiacente Villa Nueva. Scese la sera, e Ramòn Fernandez, come spesso faceva in quel periodo di giugno, andava a vedere il sole che tramontava. “Ormai fa freddo” diceva, ogni sera. “A giugno fa freddo” “Vuoi piantarla? Sembri un poeta malinconico di fine estate!” esclamò a un certo punto Alfonso Fernandez. … Continua a leggere La Ropa Sucia/293

La Ropa Sucia/292

Il Commissario non poteva credere all’esistenza di buste nere glitterate. “L’altro giorno ho inviato alcuni miei agenti dentro la catapecchia che era usata dai Fernandez per il loro Clan dei Neri, per arrestarli… invece ci hanno trovato un sacco di ragazze vestite di nero, che stavano facendo chi pozioni, chi accarezzavano gatti, chi si truccava … Continua a leggere La Ropa Sucia/292

La Ropa Sucia/291

Mentre  Pedro scartabellava, si era reso conto che era due mesi che Diego, il suo fratellastro non vedeva Edmundo, né la sua lavatrice. Da quando la lavatrice di Joshua era esplosa per un guasto tecnico; Diego stesso aveva smesso di frequentare il direttore del supermarket degli Islas e quegli eventi, ne era sicuro, erano collegati. … Continua a leggere La Ropa Sucia/291

La Ropa Sucia/290

Roberto Mendosa era latitante da due mesi e oltre, nessuno lo chiamava più con quel nome. Girava per l’Aregentina correndo, assieme a sua madre, che invece teneva il suo passo con una bici, credendo che in quel modo avrebbero potuto risolvere i problemi di costi. In effetti Roberto e sua madre non se la passavano … Continua a leggere La Ropa Sucia/290

La Ropa Sucia/289

Analisa Islas era la versione mora di Catalina Salcido, e quello era chiaro a tutti. Tant’era vero che Joshua, l’enigmatico ex ricco di Analisa, pur di averla era stato disposto a comprare una lavatrice, farsela mettere nel suo studio e azionarla, non senza qualche difficoltà. Adesso le lavatrici erano diventate tre, in un modo che … Continua a leggere La Ropa Sucia/289

La Ropa Sucia/288

Ecco perché Amborgio, il maggiordomo che dava ascolto a tutte le orecchie e vedeva con tutti gli occhi, vide i due piccoli andare da Rebecca senza colpo ferire, ma non sapeva dove lei li avrebbe portati. Effettivamente Rebecca li portò nel salone degli schermi, ormai disattivato, ma non passarono neanche cinque minuti che Ramòn Fernandez … Continua a leggere La Ropa Sucia/288

La Ropa Sucia/287

Un ragazzo con un ombrello enorme in mano stava osservando proprio Analisa, che inumidita era più bella che mai. Aveva chiesto una mano. “No, ne ho già due, grazie” rispose lei. Il ragazzo annuì e si avvicinò. “Vieni, mia cara, ti bagnerai così. Lascia che ti offra il mio obrello” Analisa capì che quell’uomo erta … Continua a leggere La Ropa Sucia/287

La Ropa Sucia/286

Era incredibile il fatto che i Sanchez si fossero fermati alle apparenze. Ana Lucia e la sua tattica attendista aveva portato alcune volte a certi risultati, altre volte no. Seppero dunque, da Ezequiel Riquelme, che il figlio che stava aspettando Clara Gonzalez era in realtà di Fernando, non di Miguel, ma questa cosa non fu … Continua a leggere La Ropa Sucia/286

La Ropa Sucia/285

Comprare una lavatrice per azionarla non era mai stato così divertente, per Joshua. Innanzitutto era esattamente andato al negozio di Edmundo, il quale non lo accolse troppo bene. Anzi, non lo accolse. Fu da solo che Joshua prese una lavatrice, consigliato da una commessa che si troivava là, che si chiamava, come suggeriva l’etichetta, Sara. … Continua a leggere La Ropa Sucia/285

La Ropa Sucia/284

Dal canto suo, Analisa Islas non era del tutto convinta della condotta che stava conducendo. Dapprima, era rimasta parecchio triste per il rifiuto ottenuto da Pedro Sanchez, quando ormai era tutto pronto per il matrimonio, avendo scelto anche la data e i testimoni e la damigella. Adesso si era ritrovata single, con un matrimonio da … Continua a leggere La Ropa Sucia/284

La Ropa Sucia/283

“L’amore, forse” disse infine un corrucciato Alfonso rispondendo alla domanda precedente della signora Cascada, inarcando un sopracciglio. “E non lo compri col denaro. Neanche se lo metti dentro una lavatrice. Anzi, proprio perché i Sanchez hanno azionato una lavatrice adesso Joaquina Cascada si è messa con Ramòn Fernandez, e di mio fratello si dicevano cose … Continua a leggere La Ropa Sucia/283

La Ropa Sucia/282

Anche se il emssaggio scritto da Joaquina era un palese falso, solo perché l’aveva detto Ambrogio, il Commissario riunì tutte le forze che riuscì a convocare per un’operazione senza precedenti. Ramòn Fernandez, infatti, si era macchiato di numerosi e reiterati attentati alla legge, facendo fuori uno dopo l’altro tutti gli articoli del codice penale. Non … Continua a leggere La Ropa Sucia/282

La Ropa Sucia/281

“Sei sicura di quello che hai visto?” Fra tutte le cose che Ramòn Fernandez giurava di aver visto nella sua vita, ciò che era statao riportato da Rebecca Jones era la meno probabile. “Sì. Sono sicura” “Diego Sanchez con Rocìo Gutierrez… che coppia male assortita” disse lui, guardando la cancedela danzare davanti ai suoi occhi. … Continua a leggere La Ropa Sucia/281

La Ropa Sucia/280

Così, piena di speranze, Rocìo andò dove indicato e bussò alla porta. Era stata talmente emozionata da non aver notato a quale porta aveva bussato, infatti solo allora si rese conto di essere davanti un cancello in ferro battuto. Le fu aperto. “Serve qualcosa?” chiese Ambrogio, squadrando Rocìo Gutierrez, come per valutare se avesse il … Continua a leggere La Ropa Sucia/280

La Ropa Sucia/279

Se Romàn Garcia era sulle prime felice di aver fondato un Clan tutto suo, considerato i suoi ascendenti e il ruolo importante che aveva fra le istituzioni, non credeva che poi avrebbe questo comportato un sacco di doveri. “Certo che è difficile fondare un clan” disse lui. “Non che sia difficile in sé, è la … Continua a leggere La Ropa Sucia/279

La Ropa Sucia/278

Una cosa, però, c’era da chiedersela: perché Catalina aveva invitato Edmundo al bar? E che cosa si erano detti? Per capirlo, bisognava fare un salto di qualche ora: Catalina Salcido aveva deciso di dare una svolta alla sua famiglia. “Non possiamo stare chiusi in casa. Va bene; lo scandalo ha colpito anche noi, soprattutto noi, … Continua a leggere La Ropa Sucia/278

La Ropa Sucia/274

Ana Lucia Sanchez aveva sempre dato per scontata la sua leadership a Villa Sanchez e, dati gli ultimi avvenimenti, anche su Villa Riquelme. Tuttavia, le parole di Violetta avevano fatto scattare un piccolo campanello di allarme, che poi era diventata una sirena vera ae propria. Alla fine, Ana Lucia mancò un punto di ricamo e … Continua a leggere La Ropa Sucia/274

La Ropa Sucia/273

La situazione si era ingarbugliata. Quando capitava, teneva a mente il consiglio della nonna Ana Lucia e andò a raccontarle tutti i fatti, che così entrarono fra le informazioni della vecchia, che come al solito continuava a ricamare. “Certo” disse lei, alla fine. “Come? Io ti racconto una versione dei fatti molto interessante e tu … Continua a leggere La Ropa Sucia/273

La Ropa Sucia/271

La situazione che si era venuta a creare nella catapecchia una volta appartenuta ai Cascada mise in imbarazzo tutti gli inquilini. Joaquina, infatti, volle avere una radio, una vasca da bagno,  ristrutturò la camera da letto dei nonni e pretese anche una bambola di porcellana che sembrava viva, e che mise in soggezione la povera … Continua a leggere La Ropa Sucia/271

La Ropa Sucia/270

Matìas era soprannominato el muerto, senza che nessuno potesse sapere la verità su di lui. Era questo che pensava Ezequiel Riquelme nel buio della sua cella, e quando gli fu assegnato un nuovo compagno, la prima cosa che fece, subito dopo avergli chiesto perché era dentro, fu raccontargli tutte le vicende che riguardavano Matias Gutierrez, … Continua a leggere La Ropa Sucia/270

La Ropa Sucia/269

Alfonso decise di indagare, mentre a Villa Nueva gli eventi si susseguivano. Clara Sanchez, ad esempio, aveva deciso di togliere dal momento di empasse quella che era stata la sua famiglia annunciando loro di essere incinta, con conseguente festa dove tutti erano invitati, Sofia compresa. Lei non si aspettava certo un invito, così, mentre lei … Continua a leggere La Ropa Sucia/269

La Ropa Sucia/268

I fratelli Fernandez, quando decisero di stabilirsi dentro quela baracca, non sapevano dove sarebbero arrivati col loro piano. Erano soltanto dei giovani pieni di idee e tanta voglia di fare. Erano adolescenti quando cominciarono a raccattare seguaci e fare propaganda, più o meno molesta a seconda del giorno, del clima e della voglia intrinseca. Erano … Continua a leggere La Ropa Sucia/268

La Ropa Sucia/267

“Clara Gonzalez è incinta” L’annuncio arrivò come un fulmine a ciel sereno, nella baracca dove vivevano attualmente i due fratelli Fernandez e Rebecca Jones, che in quel momento serviva solo per far trastullare Alfonso, almeno apparentemente. Alfonso aveva notato che Ramòn era sparito per qualche ora, ma non l’aveva visto né uscire né riutornare. Per … Continua a leggere La Ropa Sucia/267

La Ropa Sucia/266

Catalina Salcido era rimasta un po’ disparte, così come il resto della sua famiglia, da quando era morto Gonzalo Sanchez, pugnalato a sangue freddo da uno dei due componenti della famiglia Mendosa, che in quel momento erano latitanti e fuori dalla portata della polizia di Villa Nueva, che comunque proseguiva le indagini. “Quello è un … Continua a leggere La Ropa Sucia/266

La Ropa Sucia/264

Rocìo era talmente bella che aveva anche fatto smettere di piovere, tuttavia la passeggiata fra il carcerato e sua figlia non rimase inossevrtaa. C’era infatti Elisa Riquelme che stava lavando i vetri e quindi vide tutto quello che c’era da vedere, persino la brutalità con cui l’ex galeotto stava trascinando sua figlia. Lei stessa era … Continua a leggere La Ropa Sucia/264

La Ropa Sucia/263

Matìas Gutierrez non aveva bisogno di riposare. Era lucidissimo, inoltre, in base a ciò che sapevano Raquel e Romàn Garcia, poteva organizzare un suo piano. Era praticamente pronto, doveva solamente creare il caos al momento opportuno. Quella cella, posta nelle segrete del castello di Garcia, non gli faceva paura. Dopotutto, aveva passato momenti peggiori, ad … Continua a leggere La Ropa Sucia/263

La Ropa Sucia/262

Marìa starnutì. “Che succede?” chiese Violetta, che ormai si era seduta davanti alla scrivania, ormai innocua. “Qualcuno mi sta pensando” disse Marìa, asciugando sai il naso. “So anche chi” “Pedro, mio figlio?” “No, probabilmente qualcuno di Cordova” rispose lei, noncurante. “Sai, a molti stavo antipatica ma non capisco perché, ancora oggi. Ecco perché mi sono … Continua a leggere La Ropa Sucia/262

La Ropa Sucia/261

C’era da dire anche che Diego Sanchez e il suo fedele compare Edmundo stavano tramando anche troppo. Davanti a loro, che erano seduti, la loro lavatrice continuava il suo corso imperterrita. “Non credevo che azionare un’altra lavatrice avrebbe prodotto questi risultati” disse Diego. “Siccome io sono intelligente, sapevo che la soluzione più opvvia era comprarne … Continua a leggere La Ropa Sucia/261

La Ropa Sucia/260

Marìa, la procace giardiniera, sapeva che Pedro aveva tre in matematica, glielo aveva detto lui proprio qualche ora prima. Ecco perché si era scoperta innamorata. A un certo punto, mentre sistemava alcuni documenti di cui non capiva nulla, entrò Violetta Sanchez. “Oh, ciao Violetta” salutò Marìa distratta, ma Violetta le puntò contro una pistola. Una … Continua a leggere La Ropa Sucia/260

La Ropa Sucia/259

“Fuori è un giorno fragile, e tutto cade… incantevole” stava dicendo Ramòn Fernandez. Sentiva la mancanza della poltrona, ormai erano quasi simbiotici. Erano rimasti solo lui, suo fratello e Rebecca Jones, e anche se tutti li stavano cercando, nessuno poteva immaginare che fossero tornati proprio dov’erano partiti. “Nasconditi dove tutti ti possono vedere” disse Alfonso, … Continua a leggere La Ropa Sucia/259