I ricordi di Adalgisa/7

"Guarda questi fiori" C'era una grande distesa di margherite sul prato. Adalgisa non era allergica, ma si annoiava. Blearga, invece, stava rotolando come se volesse confondersi con le piante. "Non c'è, ad esempio, una sala giochi nei paraggi?" "Cosa vuoi che ci sia in mezzo ai verdi prati?" ribatté l'amica. "Dai, divertiti anche tu a … Continua a leggere I ricordi di Adalgisa/7

Quattordici.

E un altro anno è passato. Ogni volta che torno qui, a questa foto, mi ricordo sempre che c'è stato un periodo in cui ero giovane, insicuro, superficiale. Guardate questa foto, e guardate bene. Sì, stavo osservando da tutt'altra parte. Il fotografo, conoscendomi, non ha neanche provato a farmi capire un concetto importante. La fotografia … Continua a leggere Quattordici.

I ricordi di Adalgisa/5

"... E questa, signori, è l'opera d'arte più importante del museo." annunciò lieta la guida turistica. "Si intitola Caffettiera e come potete vedere c'è una moka nell'atto di far uscire il caffè. Dipinto con la tecnica iper realista, c'è da dire che i colori caldi ricordano molto la volontà dell'autore di accendere le luci della … Continua a leggere I ricordi di Adalgisa/5

Nightmares

Descrivi l'ultimo incubo che ricordi di avere avuto. Cosa pensi che possa significare? Erano circa le dieci. O comunque chi lo sa, non è che ci sia il tempo nei sogni. Mi metto al pc per scrivere l'ennesimo mio articolo assolutamente senza senso, quando,  improvvisamente, mi giunge una notifica. È diversa dalle altre, molto più … Continua a leggere Nightmares

Ricordi che non ci sono.

Guardo le stelle e ogni tanto ci penso, a come sarebbe potuto essere ma che invece non è stato. Racconto non di Aven, ma di Andrea, il lato malinconico di me stesso. Oh, me la ricordo. Ed ho il coraggio di amarla ancora. Chiamatemi infantile, romantico, sognatore, come preferite. C’era Lei. Sono passati esattamente dieci … Continua a leggere Ricordi che non ci sono.

Dodici.

1. Non ci sei da dodici anni. Ma ne sento comunque ancora il profumo, la presenza, i sussurri. 2. Le tue poesie mi sono d'ispirazione. 3. Nonostante non sarei dovuto arrivare al sesto mese di gravidanza, mi hai tenuto stretto e hai fatto di tutto per farmi nascere. 4. I pomeriggi lunghissimi con te mentre … Continua a leggere Dodici.

Undici.

Come ogni anno, voglio ricordare mia madre e come questo evento diventa sempre peggio. Oggi, peraltro, è domenica. Come quella volta del 2007. Avevo sedici anni e non credevo, non pensavo, non immaginavo. Di sicuro, quando poi mi è piombato il mondo addosso, è stato come mi si fosse strappata via l'innocenza, annunciando il momento … Continua a leggere Undici.